10 settembre 2015 | 12:17

L’Arabia Saudita censura il National Geographic di agosto con il Papa in copertina. Per ‘ragioni culturali’

Mentre il Papa cerca di portare nel mondo una visione più umile del cattolicesimo, c’è chi in lui vede una figura rivoluzionaria. L’Arabia Saudita, si legge su Foreign Policy, ha censurato l’edizione di agosto del National Geographic, che rappresenta in copertina il Pontefice nella Cappella Sistina. Il motivo: ‘ragioni culturali’. L’articolo della rivista si riferisce alle riforme della Chiesa come a una ‘silenziosa rivoluzione’ di Francesco. Troppo controversa – secondo le autorità del paese arabo, in cui moschee e stato vivono a stretto contatto – l’immagine del vicario di Cristo, che potrebbe avere pericolose implicazioni.

La copertina del numero di agosto di National Geographic

“Cari lettori dell’Arabia Saudita, ci scusiamo con voi per la mancata consegna del numero di agosto”, è la dichiarazione pubblicata sull’account Twitter in lingua araba del National Geographic, dal redattore capo Alsaad Omar al-Menhaly.

Il tweet del redattore capo del National Geographic arabo, Alsaad Omar al-Menhaly