11 settembre 2015 | 14:50

Dopo cinque assunzioni al Tirreno parte il progetto per scegliere 8 giovani giornalisti attraverso una selezione pubblica

Al giorno d’oggi cinque assunzioni in un quotidano sono una vera notiza. E’ successo il 1° agosto al Tirreno il quotidiano che fa parte della scuderia di stampa locale della Finegil (Gruppo L’Espresso).

Omar Monestier

Il direttore Omar Monestier ha avuto il via libera e ha potuto rafforzare la sua squadra nelle redazioni di Pisa, Grosseto, Viareggio, Lucca Pontedera, pescando tra i giornalisti che già collaboravano al Tirreno e che considerava ottime risorse.
I cinque neo assunti sono: Federica Scintu, Mario neri, Andreas Quirici, Gianni Parrini e Giovanna Mezzana. Il Tirreno conferma l’alta quota di donne assunte, negli ultimi cinque anni sono state la maggioranza. E non finisce qui: nel 2016 sono in programma altre 4 assunzioni di giovani giornalisti che verranno fatte attraverso una selezione pubblica che verrà pubblicizzata sulle pagine e sul sito del Tirreno, dei vari siti delle testate del Gruppo e sul portale www.gruppoespresso.it nella sezione ‘lavora
per noi’ dove, chi vuole candidarsi, dovrà rispondere entro il 15 ottobre all’annuncio fornendo “curriculum delle proprie esperienze e competenze rilevanti per il lavoro richiesto; un testo di autopresentazione (massimo 2.000 caratteri) che illustri le proprie motivazioni e ambizioni e spieghi perché Il Tirreno farebbe bene ad assumere il candidato”. Importanti saranno la laurea triennale, la buona conoscenza della lingua inglese. Entro il 15 novembre verrà data una risposta a tutti i candidati tra cui però ne saranno scelti 50 da passare alla seconda selezione per cui si richiedono: “tre proposte dettagliate di servizio giornalistico, quali quelle che un free lance invierebbe al capocronista di un giornale locale; - Il link ad una di queste proposte, a propria scelta, che dovrà essere sviluppata al meglio con gli strumenti digitali e pubblicata su qualsiasi piattaforma online; – Una selezione di link a profili, account e materiali online del candidato (es: Twitter, Facebook, Linkedin, YouTube, Flickr, ecc.) che meglio possono disegnare la propria presenza social nel mondo digitale”.
Una commissione interna al Gruppo valuterà tutto il materiale e incontrerà direttamente i candidati per un colloquio. Alla fine ne saranno selezionati otto a cui verrà offerto uno stage retribuito tra febbraio/ottobre 2016 presso la redazione del Tirreno, seguiti da un tutor del giornale. Alla fine dello stage il direttore sceglierà quattro tra i giovani stagisti per assumerli ” e regole del contratto nazionale, in una delle redazioni nell¹arco del 2016-2017″; gli altri quattro selezionati rimarranno a disposizione degli altri giornali locali del Gruppo.