Axel Springer esce dal mercato russo. Si allunga la lista di media ed editori che lasciano il paese per la legge che limita la presenza di stranieri nei media locali

Si allunga la lista di media ed editori stranieri che stanno progressivamente lasciando la Russia in vista dell’entrata in vigore, dall’inizio del 2016, della legge che fissa al 20% le quote  di partecipazione di società straniere nei media russi. L’ultimo tra questi è Axel Springer. Secondo quanto riporta il Financial Times, l’editore tedesco, che tra le altre attività media pubblica la versione russa di Forbes e OK!, ha infatti venduto tutte le sue quote all’editorie locale Aleksandr Fedotov.

Mathias Döpfner, ceo del Gruppo editoriale Axel Springer (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Sky e Wavemaker in coro dal Wired Next Fest: data scientist e content manager cercansi

Il dibattito sulla crisi delle news ha bisogno di fare i conti con la realtà dei fatti

Fnsi-Uspi, primo contratto per i periodici locali. C’è anche il redattore web