28 settembre 2015 | 14:30

Samsung lancia negli Stati Uniti il suo sistema per i pagamenti mobile. A differenza di Apple Pay e di Android Pay funzionerà con i normali lettori di carte di credito

Dopo Apple Pay e Android Pay, arriva Samsung Pay, il sistema per transazioni ‘mobile’ della casa sudcoreana, al debutto oggi negli Usa. La novità spiega l’Ansa, è la capacità del sistema Samsung di funzionare con i normali lettori di carte di credito, mentre gli omologhi sistemi targati Cupertino e Google, richiede che i Pos dei negozi integrino la tecnologia senza fili Nfc. Lanciato un mese fa in Corea del Sud, Samsung Pay è stato usato per fare 1,5 milioni di transazioni dal valore complessivo di 30 milioni di dollari, cifre che Samsung ha definito “oltre le aspettative”. Dopo gli Stati Uniti è previsto l’arrivo nel Regno Unito, in Spagna e in Cina.

Il sistema è attualmente presente sugli smartphone di fascia alta dell’azienda, cioè i Galaxy S6, S6 Edge, S6 Edge Plus e Note5, ma dal prossimo anno dovrebbe equipaggiare anche dispositivi di fascia bassa e media.