29 settembre 2015 | 11:24

Il Sindacato di base entra in Viale Mazzini. Nasce Usb – Unione sindacale di base in Rai

L’USB Lavoro Privato settore Telecomunicazioni entra in RAI. Lo comunica una nota stampa del sindacato secondo cui il varo arriva “grazie all’iniziativa di lavoratori e lavoratrici che con la loro iscrizione hanno deciso di dare fiducia ad un sindacato conflittuale, trasparente e partecipativo, di cui c’è forte bisogno per rappresentare e difendere i diritti del mondo del lavoro ormai negati da parte dei sindacati complici e/o corporativi”.

Daniela Cortese, USB Lavoro Privato, responsabile del nostro settore Telecomunicazioni.

Daniela Cortese, USB Lavoro Privato, responsabile del nostro settore Telecomunicazioni.

Il comunicato stampa Usb
La crisi economica diffusa, che genera precarietà e accordi al ribasso in tutti i settori, in quello dei media incide negativamente sulla libertà e sul pluralismo dell’informazione. Per questo l’USB conferma la sua contrarietà alla privatizzazione della RAI, che deve invece mantenere il suo carattere pubblico ma democratico, per favorire la diffusione di una corretta informazione, della cultura e della conoscenza e non mettersi a servizio di un pensiero unico.

Saremo quindi attenti e non faremo mancare il nostro conseguente impegno, sia alle condizioni lavorative dei/delle dipendenti RAI che alla qualità della informazione e della programmazione fornita ai telespettatori.

Con le Telecomunicazioni cresce e si rafforza il settore Lavoro Privato dell’USB: dopo l’avvio ed il successivo incremento nel Gruppo Telecom Italia, ad oggi si sono aggiunti prima Accenture, poi Teleperformance e adesso anche la RAI, contribuendo così alla ricomposizione dei lavoratori e delle lavoratrici, volutamente costretti ad essere divisi e dunque deboli.