30 settembre 2015 | 11:10

Sempre più vicina la fusione tra Wind e 3 Italia: l’operazione è stata presentata all’Autorità di Mercato Ue. Si attende il nulla osta dall’Antitrust

L’operazione di merger attesa da anni, tra Wind e 3 Italia, è stata presentata all’Autorità di Mercato Ue, riporta il Sole 24 Ore di oggi. Maximo Ibarra, numero uno di Wind e futuro top manager del nuovo gruppo che nascerà dalla fusione, si è recato a Bruxelles per illustrare l’accordo, una settimana dopo l’ok del governo italiano. Ora si dovrà attendere il nulla osta dell’Antitrust, necessario per l’avvio dell’aggregazione tra il terzo e il quarto operatore italiano di telefonia mobile.

Maximo Ibarra, ad Wind

Maximo Ibarra, ad Wind

Il processo di riassetto del mercato – continua il Sole –  è necessario, perché ora più che mai si ha bisogno di investimenti, dopo le battaglie dei prezzi che hanno accentuato un calo dei ricavi per le teste di serie Tim e Vodafone, ma anche per Wind e 3 Italia. La crisi in numeri: 1,6 miliardi persi nel 2014, dopo i 2,7 venuti a mancare nel 2013.