Nessuna categoria

01 ottobre 2015 | 16:23

Frecciarosa di Trenitalia riparte per il quinto anno consecutivo. Donna Moderna e Starbene media partner della campagna di prevenzione ‘su rotaie’ contro il cancro al seno

di Francesca Del Vecchio – Non più solo tricolori: le frecce diventano rosa. E’ l’iniziativa che – per il quinto anno consecutivo – vede protagonisti della campagna di prevenzione medica per le donne, in particolare contro i tumori al seno, Trenitalia, Donna Moderna e Starbene, IncontraDonna onlus con il patrocinio del Ministero della Salute ed eccezionalmente per quest’anno, di Expo Milano 2015, che ha ospitato la conferenza stampa di presentazione.

Da sinistra: P. Galli, V. Soprano, A. Bonifacino, E. S. Ricci, A. Monfreda, G. Ruocco, D. Rasio

La profilassi contro le malattie al seno, in particolare, è al centro dell’iniziativa che dal 1 al 20 ottobre vedrà coinvolti medici specialisti del settore disponibili su due treni Frecciarossa – sulla tratta Roma-Milano – per fornire consulenze gratuite alle viaggiatrici. L’idea si sviluppa dal concetto di importanza della prevenzione, veicolato alle donne di tutte le età che si mettono in viaggio o che sono in stazione. Anche nelle sale d’attesa FrecciaClub di Roma e Milano, infatti, sarà possibile avere la consulenza medica di senologi e oncologi. Il progetto è sostenuto da IncontraDonna onlus, associazione di volontariato che dal 2008 si occupa di promuovere e divulgare sul tema della profilassi per le patologie al seno. L’elemento distintivo di IncontraDonna è l’assistenza garantita alle donne durante le cure ma soprattutto nel periodo post terapeutico, al fine di non farle sentire abbandonate.

Frecciarosa è anche collaborazione con Donna Moderna e Starbene che – in occasione della campagna – arricchiranno il programma di divulgazione della prevenzione con attività a bordo: sui due treni ci sarà una blogger della rivista che scatterà alle viaggiatrici una foto da postare sui social con l’hashtag #scelgolaprevenzione. Una conferma di quanto i new media aiutino la divulgazione, anche in maniera ironica e divertente. Nelle stazioni di Milano Centrale (ven. 9 ottobre), Bari Centrale ( ven. 16 ottobre), e Napoli Centrale (mar. 20 ottobre) si terranno anche degli incontri in cui la dottoressa Bonifacino, presidente di IncontraDonna onlus, e altri medici specialisti, chiariranno – con la moderazione di un’esperta di Donna Moderna e Starbene – i dubbi delle donne interessate.

“Costruire una cultura della prevenzione per la donna. Tutelare la sua salute vuol dire tutelare la salute di un’intera famiglia”. Sono le parole del ministro della salute, Beatrice Lorenzin che – oltre ad aver scritto la prefazione del Vademecum distribuito sui treni ed nelle stazioni – ha inviato un messaggio che la direttrice di Donna Moderna, Annalisa Monfreda, ha condiviso con il pubblico presente all’Expo center.

Il progetto non ha dimenticato il sud, notoriamente meno attento alla prevenzione, dati alla mano: oltre alle tappe di Bari, Napoli, Salerno, Foggia e Reggio Calabria, già presenti nell’edizione 2014, quest’anno i treni rosa arriveranno a Palermo, Messina, Siracusa e Catania. La dottoressa Bonifacino sarà presente a bordo dei treni per la Campania, Puglia, Calabria e Sicilia.

Alla presentazione ha partecipato Piero Galli, direttore generale divisione Sales & Entertainment di Expo, che si è detto “felice di presenziare all’avvio di un progetto che tanto si avvicina al tema di salute e sostenibilità alimentare veicolati in Expo”. Ha anche ricordato l’iniziativa lanciata all’Esposizione Universale in giugno: Women for Expo. Oltre alla dottoressa Bonifacino, a Vincenzo Soprano, amministratore delegato di Trenitalia e Giuseppe Ruocco, direttore generale per l’igiene e la sicurezza degli alimenti del ministero della salute, la Debora Rasio, specialista in oncologia e ricercatrice nutrizionista alla Sapienza di Roma, ha voluto dare il suo contributo fornendo alcuni numeri sull’aumento percentuale dell’incidenza di tumori, specie nelle giovani donne. La dottoressa ha evidenziato la necessità – per le patologie tumorali – di una prevenzione primaria (abitudini alimentari che evitino cibi conteneti sostanze cancerogene, come prodotti da forno cotti ad alte temperature) e di una prevenzione secondaria che passa, inevitabilmente dallo screening alle visite specialistiche.

Madrina d’eccezione dell’evento: Elena Sofia Ricci, che ha spronato le donne a fare controlli medici periodici con il suo personale esempio quotidiano. La presentazione si è conclusa con un fash mob organizzato dall’associazione ‘Sballando, ballando’ di Samuel Peron, ballerino stellato di Rai uno, che insieme alla Ricci, ha riscaltato l’atmosfera della fredda mattinata milanese in quel di Expo con una samba tra i turisti.

Elena Sofia Ricci e Samuel Peron