08 ottobre 2015 | 12:58

Difficoltà e prospettive del cinema d’essai. La Fice fa il punto sullo stato del settore negli incontri tenutisi a Mantova

Agli Incontri della Fice (federazione italiana cinema d’essai) si è discusso delle difficoltà e delle prospettive del settore. Come si legge dal comunicato, un contributo statale al cinema d’essai che – dal 1995 ad oggi, considerando anche il progetto speciale ‘Schermi di qualità’ – è fermo a circa 7 mila euro annui per schermo.

Una contrazione della quota di mercato del cinema italiano, scesa quest’anno al 18% (era l’anno scorso al 26%), che incide negativamente su tutto il settore cinema e in particolare sull’esercizio d’essai. A fronte di questi dati, l’esercizio d’essai rimane comunque centrale – rappresentando il 15% circa delle presenze dell’intero mercato sala – in particolare per i risultati dei film d’autore: film italiani come ‘Hungry Hearts, Per amor vostro’ e ‘Lousiana’, ma anche film vincitori di premi importanti come ‘Sacro Gra’ (Leone d’Oro a Venezia nel 2014), ‘Il regno d’inverno’ (Palma d’oro a Cannes nel 2014), hanno registrato più dell’80% del proprio incasso nelle sale d’essai.

Sono questi alcuni dei dati presentati a Mantova al seminario “I film d’autore e il pubblico delle sale d’essai”, che si è svolto nell’ambito degli Incontri del Cinema d’Essai della Fice, e nel corso del quale si è dibattuto sulle difficoltà e le prospettive dell’essai. I dati sono stati rilevati da Cinetel che considera 697 degli 803 schermi d’essai.

Domenico Dinoia

Nel suo intervento Domenico Dinoia, presidente della Fice, ha sottolineato il ruolo dei cinema d’essai, sia come presidi culturali e sociali nei centri cittadini, sia nel promuovere la visione dei film d’autore. Per Dinoia il contributo pubblico alle sale d’essai va visto come un investimento per la diffusione della produzione italiana e quindi come un strumento importante per il funzionamento di tutto il sistema cinema. Sul fronte dell’esercizio è intervenuto anche Luigi Cuciniello, presidente ANEC, associazione nazionale esercenti cinema, che ha sottolineato il dato negativo legato alla quota di mercato del cinema italiano che inevitabilmente incide sullo stato di salute di tutto il sistema. Per Cuciniello c’è un problema di qualità del prodotto e anche di posizionamento, evidenziando che nel periodo estivo, a parte pochissime eccezioni, non sono usciti film italiani. Oltre ai problemi di mercato, l’esercizio si confronta con costi sempre più alti, dalle imposte locali alle spese per la digitalizzazione, e contributi pubblici sempre più ridotti. Passando alla distribuzione è intervenuto Valerio De Paolis, che dopo la Bim ha aperto Cinema, una nuova casa di distribuzione. Per De Paolis il problema centrale dell’essai è nella carenza di sale in diverse zone d’Italia e anche nell’esigenza, per alcune di esse, di ristrutturarsi; per questo servirebbero dei provvedimenti sia a livello nazionale che locale per favorire l’ammodernamento delle strutture. Francesco Melzi D’Eril, della Good Film, ha invece puntato l’attenzione sull’eccesivo numero di film che si producono in Italia, film che in molti casi non hanno la forza di affrontare il mercato sala. Per Gianluca Farinelli, direttore della Cineteca di Bologna, la situazione delle sale è frutto di leggi sbagliate che non hanno mai saputo sostenere in modo adeguato il settore. Per Farinelli c’è bisogno di uno Stato che creda nel cinema e che lo porti concretamente nelle scuole. A fare il punto sull’attività di Europa Cinémas, il network di sale cinematografiche che programmino maggioritariamente opere europee, è intervenuta Sonia Ragone. Mariella Troccoli, dirigente della Direzione generale Cinema del MiBACT, ha spiegato che si sta lavorando sulla riforma di sistema del settore, ma che intanto il Ministero sta intervenendo sui decreti tecnici. Per l’esercizio si sta per emanare un nuovo decreto nel quale si punta in particolare su interventi in conto capitale, ma si pensa anche ad altri provvedimenti, ad esempio per incentivare la distribuzione di film in estate. Gli Incontri del Cinema d’Essai proseguono domani, giornata conclusiva della manifestazione, con diverse anteprime tra le quali, aperte al pubblico e gratuite, quelle dei film Mozes, il pesce e la colomba di Virag Zomboracz, vincitore del Bergamo Film Meeting (Multisala Ariston, ore 18.30), Condotta di Ernesto Daranas (Cinema del Carbone, ore 19.00); Il gesto delle mani di Francesco Clerici (Cinema del Carbone, ore 21.30). Venerdì e sabato previste le anteprime per le scuole dei film La vita è facile a occhi chiusi di David Trueba e Storie sospese di Stefano Chiantini con Marco Giallini e Maya Sansa.