Alessandro Pica è il nuovo amministratore delegato di Agi. Assume il ruolo lasciato da Gianni Di Giovanni

E’ Alessandro Pica il nuovo amministratore delegato dell’Agi, Agenzia Giornalistica Italia, e successore di Gianni Di Giovanni ora responsabile dell’ufficio relazioni internazionali dell’Eni a Washington. Il Cda dell’Agi – rappresentato da Cristiana Argentino, Marco Bardazzi, Raffaella Leone, Massimo Mondazzi e dallo stesso Pica – ha anche confermato l’incarico di presidente a Mondazzi.

Alessandro Pica

Alessandro Pica

Specializzato in politica estera e informazione digitale, Pica, che ha iniziato come district manager nel gruppo General Motors e poi in General Elecrtic, ha negli anni approfondito una forte competenza professionale nel mondo dei media. Dopo aver svolto un intenso lavoro come consulente di marketing, innovazione e diffusione editoriale per la stampa italiana nazionale e regionale, è stato responsabile commerciale dell’Ansa per i settori media e mercato. Il nuovo amministratore delegato è anche stato delegato Unesco per la ricostruzione e la riorganizzazione dell’agenzia stampa palestinese WAFA nella Striscia di Gaza e si è occupato della reingegnerizzazione dei servizi stampa per l’ufficio del primo ministro dell’Albania. Convinto sostenitore della necessità di internazionalizzare l’Agi, Pica ha portato l’agenzia a conquistare il primato nel mondo dell’informazione primaria internazionale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mancano contenuti. Negli Usa si blocca Today In, il servizio di Facebook per le notizie locali

Mancano contenuti. Negli Usa si blocca Today In, il servizio di Facebook per le notizie locali

Responsabili comunicazione Diocesi al summit di Assisi su Internet, comunità online ed elezioni Europee

Responsabili comunicazione Diocesi al summit di Assisi su Internet, comunità online ed elezioni Europee

Tre nuove assunzioni a Open: i candidati saranno scelti tra i 15mila dell’estate scorsa

Tre nuove assunzioni a Open: i candidati saranno scelti tra i 15mila dell’estate scorsa