13 ottobre 2015 | 18:07

Presentata la prima edizione del Mercato Internazionale dell’Audiovisivo (MIA): dal 16 al 20 ottobre a Roma durante la Festa del cinema

Organizzato da Anica Apt Doc-it e finanziato da Ice-Agenzia e Mise e dalla Fondazione Cinema per Roma per un totale di circa 2 milioni, MIA (Mercato Internazionale dell’Audiovisivo) nasce dalla convergenza tra i vari settori  dell’audiovisivo (dal cinema alle serie, dal factual al documentario ai game) che uniscono le forze a sostegno  dell’internazionalizzazione del prodotto italiano con due obiettivi: potenziare le attività di coproduzione e l’esportazione del prodotto italiano, e accelerare  l’industrializzazione del settore attraverso il confronto con gli operatori di altri paesi.

Lucia Milazzotto

“La formula  di MIA è un po’ diversa  da quella degli  altri mercati”, ha spiegato Lucia Milazzotto, direttore dell’niziativa, durante la conferenza stampa che si è tenuta questa mattina al Hotel Boscolo Esedra, che sarà insieme alle Terme di Diocleziano la location del mercato. “Oltre al tradizionale business della compravendita dei diritti Mia si propone infatti”, ha detto Milazzotto come  un luogo  per favorire  l’incontro e la crescita di relazioni tra produttori, broadscaster, distributori, showrunner, registi, autori italiani e internazionali”. Sono previsti sia brainstorming allargati che tavoli più ristretti  e operativi  per riflettere su tendenze e  scenari di business e per costruire future partnership.

Ricca la partecipazione: sono annunciati 1250 accrediti di cui più della metà stranieri, 300 buyer, oltre 100 sales agency  e più di 500 produttori.
Tra gli eventi istituzionali un dibattito sul ruolo del servizio pubblico come impresa culturale e nel rapporto con i produttore che si terrà il 16 all’apertura del Mia e sarà presente il ministro della Cultura e del  Turismo  Dario Franceschini. Da segnalare anche i due Focus su  Cina e Cuba – in calendario il 18 e il 19 – due paesi che vogliono investire e sviluppare il business del cinema e della tv.