14 ottobre 2015 | 10:49

Mediaset sull’inchiesta diritti tv: abbiamo sempre operato nel pieno rispetto delle regole. I nostri rapporti con Infront trasparenti e nel rispetto dei ruoli

“In merito a notizie di stampa relative alle indagini in corso sull’assegnazione dei diritti tv di Serie A 2015-2018, Mediaset ribadisce che la società e i suoi dirigenti hanno sempre operato nel pieno rispetto delle regole”. Così da Cologno Monzese risponde all’inchiesta su calcio e diritti tv nella quale, tra gli altri, sono indagati i due dirigenti di Rti, Giorgio Giovetti e Marco Giordani.

“Il processo di assegnazione dei diritti si è svolto seguendo alla lettera la Legge Melandri ed è stato organizzato sotto la vigilanza delle diverse Autorità di settore che prima hanno approvato le linee guida e i bandi d’asta e successivamente esaminato e dato il benestare all’esito conclusivo”, spiega la nota diffusa il 13 ottobre, sottolineando che la legge Melandri “punta proprio a evitare che i diritti siano concentrati nelle mani di un solo operatore e a garantire la concorrenza di una pluralità di offerte, ovviamente equilibrate, a beneficio del consumatore”.

Marco Giordani, presidente di Mediaset Premium (foto Olycom)

“Viste infine le ipotesi di accusa relative a rapporti collusivi tra Mediaset e Infront ribadiamo che le relazioni tra le due società si sono sempre sviluppate in modo dialettico e trasparente nel rispetto dei diversi ruoli. La società – si conclude nel comunicato – si tutelerà nelle sedi opportune in presenza di articoli di stampa che dovessero nuovamente associare Mediaset agli altri filoni di inchiesta divulgati nelle cronache a cui è chiaramente estranea”.