TLC

14 ottobre 2015 | 11:32

Sawiris al ‘Sole’: in Italia ho investito un miliardo di euro. Su Telecom volevamo fare le cose che ha fatto Bollorè

(ANSA) Con l’investimento di 300 milioni di euro per il data center di Supersnap, la “mia esposizione in Italia ora è d’un miliardo di euro”. Così il presidente di Orascom Naguib Sawiris in un’intervista al Sole 24 Ore. Il data center di Supersnap, dice Sawiris, “darà da lavorare a molte persone. Dopo Libero, Virgilio, Dada SpA e Seat Pagine Gialle, è il quinto investimento”.

Esclude di essere interessato a Wind-3: “no, per la stessa ragione che ha spinto i norvegesi a vendere: hanno una quota di minoranza, non possono determinare niente”. Quanto a Telecom Italia, dice ancora il presidente di Orascom, “volevamo fare le stesse cose che ha cercato di fare Bolloré. Ed è stato sostituito.

Naguib Sawiris (foto Olycom)

Naguib Sawiris (foto Olycom)

Non eravamo i benvenuti nel board e nel management: l’Italia non è facile quando tratti assets nei quali c’è un interesse del governo. E comunque ho incominciato a perdere interesse per le tlc: il valore che poteva produrre è stato creato, non c’è più spazio per crescere. Sono ormai interessato a settori diversi”. Se ci sarà un sesto business in Italia? “Se conosce un’opportunità me lo faccia sapere. Sono un investitore sentimentale: metto il denaro dove mi piacciono il posto e la gente. Non è razionale ma sono sempre stato trattato bene, da Prodi come da Berlusconi”. Infine Sawiris torna sulla Roma; se mi dispiace non averla comprata? “La banca non è stata corretta con noi: ne avevamo negoziato l’acquisto e fatta l’offerta, poi ci ha detto che bisognava fare una gara. Non potevamo partecipare, avevamo già reso nota la nostra offerta. Ci siamo ritirati e hanno venduto agli americani a un prezzo tre volte più basso del nostro. No, non è stato un processo trasparente”. (ANSA, 14 ottobre 2015)