16 ottobre 2015 | 17:03

Una causa contro il sito di news TheWrap porta lo stato della California a modificare la legge: anche i giornali online saranno protetti dalle ingiuste accuse di diffamazione

La causa di appello del sito di news TheWrap ha portato a un cambiamento nella legge della California: non proteggerà più soltanto i giornali e quotidiani cartacei da accuse di diffamazione, ma anche quelli nati sul web. Il 28 settembre il governatore Jerry Brown ha approvato un emendamento sulla legislazione della California, che copre sia la diffamazione sia i danni – lo statuto, nella sezione 48a, limita quelli che possono essere richiesti a un giornale a meno che non ci sia stata la richiesta di rettifica. L’aggiornamento, contenuto nell’emendamento, dà lo stesso peso ai contenitori di informazione su carta e su web.

Jerry Brown, governatore della California (foto da politico.com)

“È un grande traguardo – racconta TheWrap in un suo articolo – per siti come l’Huffington Post, Slate, Business Insider, Re/code. Ora siamo tutti protetti in California, come lo sono i giornali tradizionali”. L’emendamento arriva dopo una causa di diffamazione portata avanti dalla produttrice cinematografica Elisabeth Thieriot nel 2012 contro TheWrap. Il sito di news dopo una lunga battaglia, arrivata fino alla corte suprema della California, vince la diatriba. E non solo: ha ottenuto anche un cambiamento della legislazione statale.

L’emendamento riporta: “È intento del legislatore assicurare che le pubblicazioni settimanali e online sono coperti dalla stessa protezione che già riguarda i quotidiani, perché assolvono alla stessa funzione di diffusione di news”. Va a modificare uno statuto emanato nel 1931, quando con la parole ‘newspaper’ si intendeva un giornale stampato giornalmente.