Mercato

22 ottobre 2015 | 10:23

Alessandro Piangiamore vince il XVI Premio Cairo. Le opere in concorso in mostra alla Permanente di Milano fino al 25 ottobre

Alessandro Piangiamore ha vinto il XVI Premio Cairo, la sua opera “LA XXI CERA DI ROMA” è stata giudicata la migliore con questa motivazione: “Un lavoro formalmente compiuto, che rappresenta una concreta evoluzione del dispositivo pittorico, con un sapiente utilizzo dei materiali”.

da sinistra Alessandro Piangiamore e Urbano Cairo

Come si legge nel comunicato, Alessandro Piangiamore vive e lavora a Roma, ha 39 anni e si è aggiudicato anche il premio di 25.000 euro. A decidere una prestigiosa giuria presieduta da Luca Beatrice, critico d’arte e curatore: Gabriella Belli, direttore della Fondazione Musei Civici di Venezia, Vincenzo De Bellis, direttore artistico della fiera MIART di Milano, Claudia Dwek, presidente di Sotheby’s Italia e vicepresidente di Sotheby’s Europa, Gianfranco Maraniello, direttore del MART di Rovereto, Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, presidente della Fondazione Re Rebaudengo e Andrea Villani, direttore del MADRE di Napoli. A partire dal 22 ottobre le 20 opere in concorso saranno esposte in una mostra a ingresso libero alla Permanente di Milano dalle 10:00 alle 20:00 (per informazioni: +39 026551445). Il Premio Cairo è un trampolino di lancio per i nuovi talenti italiani il nome di Alessandro Piangiamore si aggiunge a quello di altri artisti autorevoli come: Luca Pignatelli (2000), Bernardo Siciliano (2001), Federico Guida (2002), Matteo Bergamasco (2003), Andrea Chiesi (2004), Valentina D’Amaro (2005), Chris Gilmour (2006), Fausto Gilberti (2007), Alice Cattaneo (2008), Pietro Ruffo (2009), Masbedo (2010), Giovanni Ozzola (2011), Loredana Di Lillo (2012), Laura Pugno (2013), Fabio Viale (2014)  Il PREMIO CAIRO, quest’anno è stato anche patrocinato da EXPO. Il progetto è nato nel 2000 dalla volontà e dalla passione dell’Editore Urbano Cairo, che considera l’arte un importante patrimonio da valorizzare e una risorsa da sviluppare con speciale attenzione alle nuove generazioni.