Comunicazione

22 ottobre 2015 | 12:42

Relazioni pubbliche sempre più digitali. Il settore alimentare è quello in cui si spende di più in comunicazione. Previsioni per il 2016 caute ma positive (INFOGRAFICA)

Ultimi tre anni di sostanziale stabilità per il mercato delle Relazioni Pubbliche in Italia. Questo il dato che scaturisce dall’indagine che Assorel svolge annualmente per il settore, unica ricerca disponibile sul mercato italiano che analizza l’evoluzione del comparto, che è stata sviluppata su un panel costituito dalle principali agenzie di PR italiane.

La previsione per il 2015 è più ottimistica, più cauta per il 2016.

L’industria alimentare viene indicata dal 56% degli intervistati come il comparto con il migliore andamento per gli investimenti in PR mentre cresce l’importanza di internet ed e-commerce.

L’area di intervento che ha registrato il maggior incremento, per la prima volta da quando Assorel effettua l’analisi, è quella delle Digital PR.

Lo studio evidenzia altresì come i maggiori competitor per le agenzie PR siano non solo le società che tradizionalmente operano nel mercato delle Relazioni Pubbliche ma anche le Web Agency.

Strategie di breve periodo, riduzione dei budget e iper-competitività sono state segnalate come le principali criticità che potrebbero rallentare la crescita del comparto.

“Sono risultati in linea con le nostre aspettative – ha commentato Alessandro Costella, Direttore Generale dell’Associazione – che confermano la sostanziale tenuta del settore, un risultato positivo se si tiene conto della complessità che ha investito la industry della Comunicazione negli ultimi anni e, contestualmente, ci indicano il grande cambiamento e le sfide che ci attendono per il prossimo futuro, con nuove tendenze che l’Associazione avrà il compito di monitorare per sviluppare ulteriori iniziative a sostegno delle trasformazioni in atto”.

- Leggi o scarica l’ indagine Assorel (.pdf)