22 ottobre 2015 | 17:04

Google lancia il bando per l’Innovation Fund di Digital News Initiative, fondo triennale di 150 milioni di euro dedicato al giornalismo digitale. Ecco il testo dell’intervento di D’Asaro Biondo (DOCUMENTO)

E’ pronto al via l’Innovation Fund di Digital News Initiative: 150 milioni di euro per progetti innovativi nel campo dell’informazione digitale. Il testo della presentazione del progetto da parte di  Carlo D’Asaro Biondo, presidente delle relazioni strategiche diGoogle in Europa (PDF)

Digital News Initiative, lanciata lo scorso aprile come partnership di Google con 11 organizzazioni europee operative nel campo dell’informazione, mira a supportare il giornalismo di alta qualità attraverso la tecnologia e l’innovazione. A pochi mesi dal lancio vi hanno aderito gia’ più di 120 organizzazioni in tutto il mondo.

D'Asaro Biondo (foto EISRI2014)

D’Asaro Biondo (foto EISRI2014)

Il Fondo, uno stanziamento di 150 milioni di euro in tre anni in finanziamenti a fondo perduto, e’ aperto a editori affermati, realtà attive esclusivamente online, nuove start-up, partnership collaborative e singoli individui residenti nei paesi della UE e EFTA.

Sono previste due sessioni annuali per la presentazione dei progetti. La prima ha inizio oggi e si chiuderà il 4 dicembre. La prossima inizierà nella primavera del 2016.

L’iniziativa e’ alla ricerca di progetti innovativi nel giornalismo digitale, che supportino lo sviluppo di nuovi modelli di business o cambino le abitudini degli utenti rispetto alle news digitali. I progetti possono avere un forte carattere sperimentale, ma devono avere degli obiettivi ben definiti e una componente digitale significativa. Non è necessario usare prodotti di Google.

Sono previste tre categorie di finanziamenti:
Prototipi: categoria aperta ad organizzazioni e individui che rientrano nei criteri di idoneità e che richiedono un finanziamento fino a €50.000. Questi progetti devono essere in fase davvero iniziale, con idee ancora da mettere in pratica e presupposti ancora da dimostrare. Questi progetti verranno valutati più rapidamente degli altri progetti e, se prescelti, riceveranno un finanziamento pari al 100% dei costi totali.

Progetti di medie dimensioni: categoria aperta alle organizzazioni che rientrano nei criteri di idoneità e che richiedono un finanziamento fino a €300.000. Ammesse richieste di finanziamento fino al 70% del costo totale del progetto.
Progetti di grandi dimensioni: categoria aperta alle organizzazioni che rientrano nei criteri di idoneità e che richiedono un finanziamento superiore a €300.000. Sono ammesse richieste di finanziamento fino al 70% del costo totale del progetto, con un tetto di 1 milione di euro.

Le eccezioni al limite massimo di 1 milione di euro sono possibili in caso di progetti di grandi dimensioni e collaborativi (ad esempio progetti internazionali, che coinvolgano un intero settore o che coinvolgano più organizzazioni) oppure che apportino benefici significativi all’intero ecosistema dell’informazione.

Le richieste di partecipazione dovranno essere in inglese.

Il processo di candidatura e di selezione sara’ trasparente e aperto a tutti. Per garantire la riservatezza, tuttavia, i progetti non dovranno condividere dati sensibili per il business o informazioni altamente riservate.

La prima selezione sarà affidata a un Project team formato da professionisti del settore e da membri dello staff di Google, che esamineranno tutte le candidature per valutarle dal punto di vista di idoneità, innovazione e impatto.
Il Project team farà raccomandazioni al Council del Fondo per il finanziamento di Prototipi e progetti di medie dimensioni.

Il Council del Fondo avrà il compito di supervisionare il processo di selezione e di votare i Progetti di grandi dimensioni.
Include 13 membri, scelti fra esperti del settore e rappresentanti delle organizzazioni che partecipano alla Digital News Initiative.
Ecco chi sono:

Joao Palmeiro, Presidente dell’associazione degli editori portoghese e Chair del Comitato del Council del DNI Innovation Fund.
Alexander Asseily, Fondatore e CEO di State, Fondatore di Jawbone, Regno Unito
Arianna Ciccone, Co-fondatrice e Direttrice del Festival Internazionale di Giornalismo di Perugia, Italia
Katharina Borchert, Managing Director Online, Der Spiegel, Germania
Veit Dengler, CEO, Neue Zürcher Zeitung, Svizzera
Rosalia Lloret, Responsabile delle Relazioni Istituzionali, Online Publishers’ Association Europe
Bruno Patino, Preside della Scuola di giornalismo di Sciences-Po, Francia
Murdoch MacLennan, CEO del Telegraph Media Group, Regno Unito
Madhav Chinnappa, Head of Strategic Relations, News and Publishers, Google
Torsten Schuppe, Director of Marketing EMEA, Google
Ronan Harris, Vice President, Google
Bartosz Hojka, CEO of Agora S.A., Polonia

Il tredicesimo componente verrà annunciato attraverso il sito della Digital News Initiative insieme a tutti i dettagli sul bando
http://www.digitalnewsinitiative.com

Leggi o scarica  il testo della presentazione del progetto da parte di  Carlo D’Asaro Biondo, presidente delle relazioni strategiche diGoogle in Europa (PDF)