26 ottobre 2015 | 16:49

L’Usigrai sul canone Rai: neanche un euro dal recupero dell’evasione finirà nelle casse della tv pubblica. Confermato anche il taglio deciso con la precedente legge di stabilità

L’Usigrai, l’unione sindacale giornalisti Rai, ha commentato la questione, sollevata dal governo in occasione della presentazione della legge di stabilità, del pagamento del canone per la televisione pubblica.

Qui il testo del comunicato:

In questi giorni è andata in scena una grande bufera sulla Rai e il canone che non ha fatto altro che aumentare l’impopolarità della tassa più evasa d’Europa. Ma tutto questo ha nascosto la verità: neanche 1 euro del recupero dell’evasione finirà nelle casse della Rai. E, per di più, è confermato il taglio del 5% già deciso con la precedente Legge di Stabilità. In sostanza, si chiedono soldi ai cittadini dicendo che sono per la Rai e li si utilizzano per altro.
La manovra in discussione, infatti, blocca i ricavi da canone per la Rai alle cifre degli ultimi anni. Questo provvedimento costringerà l’azienda di Servizio Pubblico per investire, innovare, migliorare il prodotto, a inseguire i ricavi di pubblicità. Difficile che così il canone possa non risultare una tassa odiosa. Insomma, si smentisce nei fatti l’obiettivo dichiarato dal governo di aumentare il tasso di Servizio Pubblico della Rai. Così la si spinge ancora di più nel terreno commerciale. Ci chiediamo infine se l’azienda era a conoscenza di questo indirizzo del governo.

Vittorio di Trapan, Segretario Generale Usigrai (Europaquotidiano.it)