27 ottobre 2015 | 18:15

Carlo Messina, ad Intesa Sanpaolo, conferma la volontà della banca di cedere entro fine 2017 la partecipazione in Rcs

L’amministratore delegato di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, ha confermato la volontà della banca di cedere entro fine 2017 la partecipazione detenuta in Rcs, nonostante il prezzo del titolo abbia toccato i minimi storici. A chi gli domanda se ci sia sempre stata la determinazione di cedere il pacchetto detenuto in Rcs – riporta Ascanews – Messina ha risposto “Sì, sì”.

Carlo Messina, ad di Intesa Sanpaolo (foto Olycom)

Non si è poi mostrato particolarmente preoccupato per via del fatto che non sia stato ancora individuato un nuovo amministratore delegato per la holding editoriale, al posto di Pietro Scott Jovane. “Rcs – ha affermato a margine della presentazione di una nuova filiale a Milano – è una delle 300-400 mila aziende affidate del gruppo, quindi io non mi preoccupo di Rcs più di quanto non mi preoccupi di tutte le aziende che sono affidate del nostro gruppo”. Alla domanda, infine, se Intesa Sanpaolo sarebbe disponibile a partecipare ad un eventuale aumento di capitale di Rcs, Messina ha replicato: “Sapete che io non ho una particolare attitudine a seguire operazioni che non siano nel core business della banca”.