Esenzione dal canone per le fasce sociali povere. La proposta di Verducci, vice presidente della commissione vigilanza Rai

(ITALPRESS) – “Bene il canone in bolletta e la sua riduzione, ma serve qualcosa in più: l’esenzione per chi è al di sotto della soglia di povertà. Il rilancio della Rai e del servizio pubblico passa attraverso una ‘riconquista’ di credibilità. Nella Rai tutti i cittadini devono potersi riconoscere e tutti devono poter usufruire del servizio pubblico, che deve tornare ad essere innanzitutto strumento di inclusione e di cittadinanza. Per questo non bastano lotta all’evasione e riduzione del costo. Serve anche un provvedimento equo, che permetta anche a chi non ne ha la possibilità economica di usufruire del servizio pubblico. La Rai, oggi più che mai, sia di tutti e non escluda nessuno. Penso sia questo uno dei punti della stabilità da migliorare nei prossimi lavori parlamentari”. Lo afferma Francesco Verducci, vice presidente della commissione di vigilanza Rai. (ITALPRESS, 2 novembre 2015).

Francesco Verducci,  vice presidente della commissione di vigilanza Rai (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Di Maio: su precariato ed equo compenso pronto al confronto con Ordine dei giornalisti

Conto alla rovescia per il debutto in Rete di First Tutorial curato da Federico Rendina

De Santis: rafforzerò Rai1 su informazione e cultura. Per promuoverle serve anche sacrificare punti di share e pubblicità