06 novembre 2015 | 12:51

Google, al via la nuova sessione d’esame del progetto Crescere in digitale. Al momento più di 34 mila giovani iscritti

A poco meno di due mesi dal lancio di Crescere in digitale, progetto voluto dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Google e Unioncamere per diffondere le competenze digitali  tra i giovani e nel contempo avvicinare al web le imprese italiane, sono oltre 34mila i giovani Neet che si sono iscritti sulla piattaforma www.crescereindigitale.it, realizzata da Google.
Come si legge nel comunicato stampa, 1379 hanno già completato il corso e superato con successo l’esame finale nella scorsa sessione di ottobre, mentre per tutti gli altri che stanno completando le 50 ore di formazione è prevista a partire dal 6 novembre una nuova sessione d’esame, che terminerà domenica 15 novembre e che consentirà di accedere alla fase successiva: i laboratori sul territorio e i tirocini.

Sono infatti oltre 1300 le aziende che hanno aderito all’iniziativa e che hanno messo a disposizione 2000 tirocini retribuiti (su oltre 3000 totali a disposizione). In alcune regioni, tra cui Toscana, Marche, Veneto e Basilicata vi sono più aziende pronte ad ospitare tirocinanti giovani che hanno frequentato e superato con successo l’esame finale. A fronte di circa 360 aziende che hanno manifestato interesse, infatti, sono solo 117 i giovani ad aver
completato con successo il corso online in queste regioni.

Il progetto Crescere in digitale è il progetto realizzato dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Google e Unioncamere e rivolto agli oltre 840 mila giovani Neet iscritti al programma Garanzia Giovani che potranno accedere, senza alcun costo, al percorso di formazione disponibile sulla piattaforma www.crescereindigitale.it. L’iniziativa punta a rafforzare l’occupabilità dei giovani italiani e a favorire la digitalizzazione delle Pmi,
attraverso un percorso formativo composto da diverse fasi: 50 ore di training online, laboratori sul territorio e oltre 3000 tirocini retribuiti nelle imprese italiane.