Mercato

09 novembre 2015 | 11:54

Nel 2020 il settore dei giochi digitali acquistabili online varrà 1 miliardo di euro, più di 35 milioni gli utenti

Secondo dei dati raccolti da Statista, il settore dei giochi digitali acquistabili online varrà circa 1 miliardo di euro in Italia e avrà 35 milioni di utenti nel 2020. L’incremento rispetto l’anno scorso è del 90%, quando i milioni erano 550 e gli utenti 22,7. Il settore viene suddiviso in tre categorie: i mobile games (giocabili su smartphone e tablet), i giochi per pc e i browser games (giocabili su una pagina internet).

Come riporta il comunicato stampa, sarà la categoria dei giochi da dispositivo mobile a trainare il settore. Si prevede un fatturato da circa 445 milioni di euro, con un incremento del 106% rispetto al 2014 e con utenze che raggiungeranno i 15 milioni contro i 12 registrati nel sempre 2014 e una quota di mercato superiore al 40%.

Grande impatto anche per i giochi digitali per pc, scaricabili direttamente dai siti web delle case produttrici, che si stima passeranno dai 92 milioni di euro di fatturato del 2014 a circa 288 milioni nel 2020, con una quota di mercato che nel 2014 era pari a 16,5% e che nel 2020 sarà pari al 27%. Per questa categoria si prevede un aumento degli utenti dai 4,6 milioni registrati nel 2014 ai 12 milioni previsti per il 2020, con un aumento del 260%.

Per il settore dei giochi online tramite browser, che nel 2014 fatturava circa 246 milioni di euro, si stima una crescita del fatturato pari al 30% per un totale di 323 milioni di euro, con un aumento di utenti del 25%. Nel 2014 la quota di mercato dei browser games era pari al 45% del fatturato totale del settore, mentre quella prevista pel 2020 scenderà intorno al 30%.

“In questi anni si sta assistendo a una rivoluzione nel mondo dei video giochi digitali – ha dichiarato Udo Muller, ceo di Paysafecard – Il formato fisico sta progressivamente lasciando il passo al nuovo metodo digitale per la distribuzione. Per gli acquisti online ciò che viene maggiormente richiesto dagli utenti sono la sicurezza, la velocità e la comodità. Proprio queste sono le basi su cui si sviluppa il sistema di Paysafecard che offre voucher prepagati di piccolo taglio per i pagamenti online. Sono già utilizzati da milioni di utenti europei in una moltitudine di popolari giochi online come League of Legends, Aion, Combat Arms, Neverwinter, Goodgame Empire, i titoli Wargaming.net e molti altri”.

Udo Muller, ceo di Paysafecard (Foto: paysafecard.com)

Nel 2015 il fatturato dei giochi digitali in tutta Europa risulta superiore a 7,8 miliardi di euro, con il Regno Unito a guidare la classifica con 2,3 miliardi di fatturato, seguito dalla Germania e dalla Francia (1,3 miliardi), dall’Italia (690 milioni) e poi dalla Spagna (629 milioni).

Paysafecard é presente in Italia dal 2010 e ad oggi sono già più di 200.000 le persone che hanno adottato questa soluzione. Attualmente le transazioni avvengono in prevalenza tramite pc (75%), ma stanno crescendo molto quelle da mobile e tablet (rispettivamente +20% e +5%), per cui è ancora più sentita l’esigenza di sicurezza. Con Paysafecard paghi sul web senza indicare i dati personali né gli estremi del conto corrente o della carta di credito, in tutta facilità, sicurezza e rapidità presso operatori noti dei settori giochi, social network e community, musica, film e intrattenimento e tanti altri. Migliaia di shop online accettano questo tipo di pagamento. I tagli sono da 10, 25, 50 e 100 euro e sono emessi sotto forma di scontrino da oltre 50 mila punti vendita in Italia, tra cui i partner della grande distribuzione (Esselunga, Il Gigante, Tigros, Iper, Metro) e dell’intrattenimento (Sisal e Lottomatica).

I prepagati, emessi dall’omonima azienda fondata nel 2000, negli ultimi anni sono cresciuti fino a diventare il principale metodo di pagamento online alternativo a quelli tradizionali. La società ha sede a Vienna e dispone di consociate in tutto il mondo, tra cui Düsseldorf, Londra e New York. E’ presente in 500.000 punti vendita di 41 paesi del mondo.