Mercato

12 novembre 2015 | 15:53

Con la creazione dell’anagrafe nazionale nasce il cittadino digitale

La sperimentazione dell’Anagrafe nazionale della popolazione residente (Anpr), che porterà di fatto alla digitalizzazione del cittadino, è partita in 27 Comuni italiani, fra cui Roma, Milano e Torino: l’obiettivo è avere, entro il 2016, un unico archivio in tutta la Nazione.

La nuova Anagrafe, ha spiegato il direttore generale dell’Agenzia delle Entrate Rossella Orlandi, permetterà risparmi economici, consentirà una semplificazione e razionalizzazione delle banche dati e garantirà maggiore certezza dei dati anagrafici.
“Una volta che tutti i Comuni saranno entrati nel sistema, le informazioni anagrafiche saranno complete, standardizzate e prive di duplicazioni. Ciò perchè i dati arriveranno all’Anagrafe tributaria non più dalle singole anagrafi comunali, ma direttamente da quella nazionale”.
Il primo esempio, come si legge su Corriere.it, è quello delle comunicazioni di nascita, che consentono di acquisire in Anagrafe Tributaria i dati dei neonati certificati dai Comuni.
“Attualmente, grazie a questo dato, attribuiamo il codice fiscale, garantendo la qualità dei dati immessi, e inviamo direttamente a casa la tessera sanitaria”.

Rossella Orlandi, dg Agenzia delle Entrate

Analogo discorso per le comunicazioni di decesso. Tempi più rapidi si avranno anche per i cambi di residenza, mentre tutti i cittadini potranno approfittare del domicilio digitale, ovvero l’indirizzo di posta elettronica certificata che il cittadino ha facoltà di indicare come esclusivo mezzo di comunicazione con la pubblica amministrazione. Con l’Anpr, l’amministrazione fiscale avrà a disposizione inoltre anche i dati relativi alla famiglia anagrafica per “migliorare le politiche fiscali di sostegno al reddito familiare, ottimizzare le verifiche sulla capacità contributiva non più legata al singolo contribuente, ma anche a tutto l’ambito familiare; verificare la spettanza di detrazioni/deduzioni per i familiari a carico; verificare e garantire il regolare pagamento di tributi
legati alla composizione della famiglia. Infine migliorare la qualità dei dati forniti al sistema Tessera Sanitaria, ai fini del controllo del diritto all’esenzione dal pagamento del ticket”.