Basta una settimana di digiuno da Facebook per sentirsi felici. Lo rivela una ricerca danese (INFOGRAFICA)

Basta una settimana lontano da Facebook per sentirsi meglio. Lo rivela uno studio del Happiness Research Institute di Copenaghen condotto su un campione di mille persone, il 94% delle quali consulta quotidianamente Facebook, alla metà delle quali è stato chiesto di non utilizzare il social network per sette giorni.

Dopo i sette giorni di digiuno da Facebook, alla domanda “su una scala da 1 a 10 quanto ti senti soddisfatto con la tua vita oggi?”, le cinquecento persone che si sono astenute dal social network, hanno risposto in media 8,12 rispetto al 7,56 della settimana precedente. Mentre ai cinquecento cui non è stato chiesto di rinunciare a Facebook la risposta è stata 7,75, contro il 7,67 della settimana prima. Una discrepanza rilevante, secondo l’istituto danese.

Ma c’è di più. All’ultimo giorno di esperimento, gli studiosi del Happiness Research Institute hanno chiesto a entrambi i gruppi come si sentissero quel giorno. Il risultato è che “chi si è preso una pausa da Facebook si è sentito meglio e meno triste e solo”, il commento dell’istituto. Infatti, alla domanda in questione, l’88% dei membri del gruppo degli astenuti ha risposto “felice”, contro l’81% di chi non l’ha fatto; solo il 41% si è detto “preoccupato”, contro il 54% di chi ha continuato a utilizzare Facebook; e solo il 22% di chi ha fatto il digiuno ha risposto di sentirsi “triste”, contro il 34%. Solo il 12% di chi ha rinunciato a Facebook, infine, si è detto “arrabbiato”, contro il 22% di chi non l’ha fatto; mentre l’84% ha risposto che si sta “godendo la vita” contro il 75% dell’altro gruppo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Montalbano arresta il Grande Fratello. Report risale la china e batte tutti i film. Gruber uber Brindisi

Vincent Bollorè in stato di fermo per corruzione

Il magazine del Corriere 7 festeggia un anno dal rilancio e si prepara ad un viaggio lungo tutta l’Italia