13 novembre 2015 | 18:20

Il cda Rcs nomina ad Cioli. Convocata l’assemblea dei soci per una nuova delega per l’aumento di capitale e annunciato il nuovo piano industriale entro il 22 dicembre

Si è concluso a tarda sera il consiglio di amministrazione di Rcs MediaGroup che ha nominato Laura Cioli amministratore delegato e direttore generale del gruppo. Sul tavolo c’erano anche l’approvazione dei risultati dei primi nove mesi dell’anno e gli aspetti riguardanti il contratto di finanziamento con le banche con le quali da settimane era in corso una serrata e delicata trattativa per evitare che scattasse la tranche di aumento di capitale di 190 milioni di euro – la delega già in possesso del Cda scadrà il 31 dicembre – nel caso non fossero rispettati  i covenant (il livello di indebitamento, il rapporto debito /Ebitda) con le banche creditrici, la cui verifica era prevista proprio oggi.

Laura Cioli (foto Youtube)

Laura Cioli (foto Youtube)

La ricapitalizzazione per il momento non scatterà, il consiglio di amministrazione di Rcs ha infatti convocato per il 16 dicembre l’assemblea ordinaria e straordinaria dei soci per attribuire al Cda una nuova delega per un aumento di capitale di 200 milioni da eseguirsi entro il 30 giugno 2017. Una decisione che dovrebbe influire positivamente nella discussione con le banche creditrici Un altro punto decisivo per la trattativa è l’annuncio che entro il 22 dicembre verrà presentato un nuovo piano industriale.

Per quanto riguarda i conti al 30 settembre, i ricavi consolidati, 743 milioni, calano del 3,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.  L’Ebitda pre oneri e proventi non ricorrenti sale da 9,2 milioni a 17,4 milioni, e migliora l’Ebitda post oneri e proventi non ricorrenti: 4,5 milioni contro i -17,9 milioni dei primi nove mesi del 2014. Il risultato netto è negativo per 126,4 milioni (93,1 milioni) e l’indebitamento è a 500 milioni (era 515,3 milioni a fine settembre 2014)

- Leggi o scarica la nota stampa (.doc)