Le banche creditrici di Rcs disponibili nel concedere al gruppo una moratoria fino al 30 aprile

(AGI) – Le banche creditrici di Rcs hanno comunicato al gruppo editoriale la loro disponbilità a “portare all’attenzione dei relativi organi deliberanti, con parere favorevole” una ‘moratoria’ fino al 30 aprile prossimo sulla verifica degli adempimenti contrattuali previsti attualmente dal contratto di finanziamento. Lo hanno fatto sapere ieri al cda con una lettera.

Le banche si sono dette disponibili a questa eventualità a condizione che fosse convocata l’assemblea dei soci entro il 20 dicembre per estendere la delega all’aumento di capitale da “non meno di 200 milioni di euro” per un “adeguato periodo temporale” e almeno fino al 30 giugno 2016; hanno chiesto inoltre a Rcs di avere a disposizione entro fine novembre i contenuti del piano industriale o almeno le sue linee generali. Perchè siano poi effettivamente concordati i termini dello ‘standstill’ servirà, oltre alla delibera favorevole dell’assemblea, che il nuovo piano non configuri “ipotesi sostanzialmente pregiudizievoli per le banche finanziatrici”, che non si verifichino “ulteriori inadempimenti” al contratto di finanziamento e che si arrivi a un accordo sull’ammontare dei proventi della vendita di Rcs Libri da destinare a rimborso delle linee di credito. (AGI, 13 novembre 2015)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Fico: cambiare la legge sulla Rai e abolire la Vigilanza. M5s nei talk senza contraddittorio? Direttori liberi di decidere

Radiotv locali, Bitonci, sottosegretario all’economia: Dl Dignità per salvare 5mila posti di lavoro

Cda Rai: dipendenti oggi al voto per scegliere il quinto consigliere. Spoglio dalle 20,58 in streaming