Vivendi detiene il 20% di Telecom Italia e ribadisce di non aver avuto alcun contatto con Xavier Niel. Le dichiarazioni in una nota diffusa dalla compagnia transalpina su richiesta della Consob

(MF-DJ) Vivendi detiene il 20,116% di Telecom I. e non ha alcun contatto con Xavier Niel, l’imprenditore francese che attualmente detiene una partecipazione potenziale del 15% nella societa’ di tlc. E’ quanto comunica Vivendi in una nota diffusa su richiesta della Consob dopo che l’a.d. Arnaud de Puyfontaine ha incontrato ieri il presidente dell’Autorita’, Giuseppe Vegas.“Non sono intervenuti contatti diretti o indiretti con Xavier Niel o con altri soggetti interessati a definire una posizione con riguardo a Telecom Italia”, spiega il comunicato. “Non sono intervenuti contatti con i membri del Cda di Telecom Italia o con altri soggetti informati della proposta in merito alla decisione di conversione delle azioni di risparmio prima della riunione del consiglio di amministrazione di Telecom Italia del 5 novembre 2015 che ha assunto la relativa delibera”.

Arnaud de Puyfontaine, ceo di Vivendi (foto Olycom)

Al 16 novembre, prosegue il comunicato, Vivendi detiene – direttamente e attraverso la societa’ dalla stessa interamente controllata Sig 108, societe par actions simplifiee – complessive 2.715.640.223 azioni ordinarie Telecom Italia, pari al 20,116% del capitale sociale ordinario di Telecom Italia. Vivendi non detiene, ne’ direttamente ne’ indirettamente, azioni di risparmio Telecom Italia. Inoltre non e’ titolare, ne’ direttamente ne’ indirettamente, di partecipazioni potenziali o altre posizione lunghe in Telecom Italia. (MF-DJ, 17 novembre 2015)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci