19 novembre 2015 | 8:53

Storico colpo alla pirateria web. Il Tribunale di Milano dà ragione a Mediaset e intima al provider della connessione (Fastweb) di oscurare il sito che trasmette illegalmente le partite di calcio

(Today Sport) Niente più partite gratis e in streaming sul proprio pc. Il Tribunale di Milano ha ordinato a un importante gestore italiano di connessione internet (Fastweb, ndr) di oscurare il sito “pirata” Rojadirecta sul quale era possibile seguire tutte le partire della serie A, di Champions ed Europa League, nonché dei maggiori campionati mondiali. In pratica sarà inibito l’accesso al canale web che trasmetteva il calcio violando il copyright e le esclusive.

Mediaset, titolare dei diritti Tv del calcio italiano, in una nota, ha sottolineato di aver “ottenuto un importante provvedimento” in tema “di pirateria informatica sui contenuti editoriali protetti da copyright”. I giudici hanno anche “vincolato l’azienda di telecomunicazioni all’immediata rimozione di tutti i siti con nome rojadirecta, indipendentemente dal paese in cui sono registrati”, fissando “una penale di 30 mila euro per ogni giorno di ritardo nell’attuazione del provvedimento”. La decisione del Tribunale di Milano è la prima di questo genere: Mediaset “aveva già ottenuto dal Tribunale di Roma uno stop diretto al gestore del portale Rojadirecta e due ordini di sequestro del medesimo sito da parte della Procura della Repubblica di Milano. Questo nuovo provvedimento darà un impulso determinante ai fornitori di connettività nell’inasprire tutte le iniziative idonee a contrastare la pirateria sui contenuti a tutela di tutte le imprese editoriali italiane”.

Il comunicato Mediaset

PIRATERIA WEB AI DANNI DEGLI EDITORI: PER LA PRIMA VOLTA UN TRIBUNALE ITALIANO OBBLIGA UN FORNITORE DI CONNESSIONE INTERNET A INIBIRE L’ACCESSO AL SITO “ROJADIRECTA” 30.000 EURO DI PENALE PER OGNI GIORNO DI RITARDO NELL’ATTUAZIONE DEL PROVVEDIMENTO
Mediaset ha ottenuto oggi un importante provvedimento dal Tribunale di
Milano in tema di pirateria informatica sui contenuti editorlali protetti da
copyright.
La Sezione Specializzata Impresa del Tribunale ha infatti ordinato a un
importante fornitore italiano di connessione internet di inibire a tutti i propri
clienti l’accesso al dominio it.rojadirecta.eu, uno dei principali siti che viola
sistematicamente il copyright delle gare di Serie A e Champions League.
Contestualmente, la magistratura milanese ha anche vincolato l’azienda di tlc
all’immediata rimozione di tutti i siti con nome “rojadirecta”,
indipendentemente dal paese in cui sono registrati. Il giudice ha inoltre fissato
una penale di 30.000 euro per ogni giorno di ritardo nell’attuazione del
provvedimento.
La decisione del Tribunale di Milano riveste una particolare rilevanza
giurisprudenziale in tema di lotta alla pirateria. Mediaset aveva già ottenuto
dal Tribunale di Roma uno stop diretto al gestore del portale Rojadirecta e
due ordini di sequestro del medesimo sito da parte della Procura della
Repubblica di Milano.
Questo nuovo provvedimento darà un impulso determinante ai fornitori di
connettività nell’inasprire tutte le iniziative idonee a contrastare la pirateria sui
contenuti a tutela di tutte le imprese editoriali italiane.