Per le proteste delle femministe cessano le pubblicazioni di ‘FHM’ e ‘Zoo’. L’editore Bauer Media le trasforma in edizioni online

I lad mag, ovvero quelle riviste dedicate al mondo maschile che molto spesso propongono donne nude in copertina, sono sempre più sulla via del tramonto e la tendenza è confermata dalla chiusura di due testate simbolo come ‘FHM’ e ‘Zoo’. Da vent’anni la prima e da undici la seconda, secondo quanto si legge su D.repubblica.it, le riviste di Bauer Media hanno messo in mostra un’immagine della donna fortemente sessuale e discriminatoria.

Le copertine delle riviste ‘FHM’ e ‘Zoo’ (Foto D.repubblica.it)

Le femministe inglesi, ma anche una buona parte della popolazione maschile, hanno portato avanti per diversi anni una battaglia contro questo tipo di riviste a colpi di sit-in e manifestazioni: sui social, inoltre, le campagne erano rappresentate dall’hashtag #Losetheladsmag. A loro sostegno c’è stata anche la forte crisi editoriale, che ha colpito le riviste ‘FHM’ e ‘Zoo’ facendo perdere loro il 20% ed il 12% in fatto di vendite.

Bauer Media ha così deciso di trasformare queste testate in edizioni online, dato che la maggior parte dei giovani vivono in Rete.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Crimi: tetto a raccolta e limite a contributi per singolo editore. L’Ordine? Anacronistico

Olimpiadi, Malagò: spero nella candidatura a tre ma il Coni fa gli interessi del Paese

Michele Lupi lascia la Mondadori per un gruppo del lusso