Editoria, New media

20 novembre 2015 | 15:19

Consegnato in Fieg il premio per la VII edizione di ‘Nostalgia di futuro’

Si è chiusa il 19 novembre in FIEG, la VII edizione del Premio ‘Nostalgia di Futuro – Giovanni Giovannini’, nato dalla collaborazione tra l’Osservatorio TuttiMedia, la FIEG e la rivista Media Duemila, quest’anno dedicato al tema: ‘ICT per i media: Interazione – Contenuto – Tutela. Generazioni a confronto’.
Come si legge sulla nota stampa diffusa, Maurizio Costa, presidente degli editori, ha aperto i lavori insieme al presidente di Otm, Franco Siddi, parlando della rilevanza del segmento di popolazione rappresentato dagli over 45 nel consumo di informazione e cultura anche su piattaforme digitali, in controtendenza rispetto al sentire diffuso che vede la Rete come patria dei soli più giovani. In riferimento ai tre termini che formano l’acronimo ICT –  interazione, contenuto e tutela –  Costa ha detto: “È  superato parlare di convergenza e integrazione per l’ecosistema dell’informazione. L’interazione, piuttosto, tra i media, e tra i media e le loro audiences, la pluralità delle fonti, la riduzione dei costi di accesso a molte di esse, rivoluzionano il mondo dell’editoria giornalistica. E gli altri due vertici del triangolo sono contenuto e tutela”.
“La Fieg – ha proseguito – ha fatto propria da subito la battaglia per la tutela e la valorizzazione dei contenuti di qualità. Un risultato che si può ottenere solo in un contesto efficiente ed efficace all’interno di modelli organizzativi nuovi. In questo quadro, centrale è la difesa del diritto d’autore, soprattutto dagli usi impropri di contenuti altrui da parte degli over the top e dei social network, ma anche dai veri e propri fenomeni di pirateria. Tutelare il diritto d’autore è l’unico modo sia per riequilibrare economicamente l’industria culturale sia per soddisfare attraverso un giornalismo di qualità il bisogno – che esiste – di un approccio all’informazione che consenta una comprensione ragionata dei fenomeni”.
Dello stesso avviso Franco Siddi e Raffaele Lorusso, Segretario generale della Fnsi, che hanno evidenziato il comune impegno delle due Federazioni sul tema della tutela, sottolineando però la necessità anche di un impegno del Governo sulle regole e di quello della categoria al rispetto dei doveri, anche deontologici, a sostegno della propria credibilità e affidabilità.
Si sono poi tenute due successive sessioni d’approfondimento. Nella prima, ‘Lettori nativi e senior digitali: quali differenze?’, Silvio Siliprandi, presidente e ceo di GfK, ha dato nella sua ricerca ‘Nativi digitali e senior digitalizzati: un confronto intergenerazionale’ (.pdf) uno spaccato statistico–sociologico dell’universo dei lettori e dell’evoluzione dei media, rivelando appunto che, rispetto a meno di dieci anni fa, la metà dei lettori sul web è cinquantenne. Poi, l’editore canadese Moses Znaimer, leader della ZoomerMedia Limited e tycoon multimediale, guru del mercato degli over 45, ha raccontato le proprie scelte di business, tali da confermare gli utili della sua media company di grande successo, anche sul versante del cartaceo. Moses Znaimer divide il mondo in Newlywed e Nearlydead, cioè giovani famiglie e anziani. E il suo impero si sostiene con la comunità dei più anziani. L’analisi di Siliprandi e il caso concreto della media company di Znaimer sono stati oggetto di un dibattito coordinato da Alessandro Banfi (Mediaset), cui hanno partecipato anche Derrick de Kerckhove (McLuhan Program) e i premiati delle edizioni 2009-2014.
Al termine ha avuto luogo la premiazione, da parte di Alessandro Banfi, Daniela D’Aloisi (Fondazione Ugo Bordoni) e Maria Pia Rossignaud (Media Duemila), dei vincitori del Premio Nostalgia di Futuro 2015 nelle categorie: Tesi di Laurea – Articolo Giornalistico – Azienda distintasi per l’innovazione nella comunicazione.
I vincitori di questa edizione:
Categoria Aziende distintesi per l’innovazione nella comunicazione:
Vincitrice: ENI SpA, a cui è andata la targa speciale del Presidente della Repubblica, per la rivoluzione del trasferimento dell’informazione che l’executive vice president comunicazione esterna, Marco Bardazzi ha voluto per l’Azienda. L’idea nasce anche con la scoperta di giacimenti di petrolio off shore in Egitto, un evento tale da condizionare l’economia mondiale; particolare impegno, inoltre, è stato rivolto nella formazione dei giovani e nella cura dell’utilizzo delle nuove metodologie di comunicazione.
Categoria Tesi di Laurea:
Vincitrice: Alice Tomassini (Università degli Studi Roma Tre, Facoltà di Lettere e Filosofia) con la tesi“Le nuove narrazioni digitali tra storytelling e nuove medialità. Il caso Out of water”;
Menzione speciale: Giorgia Ricorda (Università di Torino, Facoltà di Scienze Politiche e Sociali) con la tesi “Dalle lettere al direttore ai commenti on line: come sta cambiando il rapporto con i lettori dei giornali”.
Menzione speciale: Francesco Ferrigno (Università di Salerno, Scienze Politiche, Sociali e della Comunicazione,) “La crisi del giornalismo: le difficoltà economiche-finanziarie delle aziende e le nuove sfide della professione”.
Categoria Articolo Giornalistico
Vincitore: Alessandro Di Liegro (giornalista professionista, collaboratore esterno de Il Messaggero e blogger) per l’articolo comparso su autori.fanpage.it -“Expo social, una sfida vinta”;
Menzione speciale: Alice Sagona (giornalista pubblicista, collaboratrice/redattrice di Class TV/Class NBC) per il servizio televisivo: “Sapori e profumi. Expo 2015”.