Secondo 3 americani su 5 la pubblicità online rispecchia i loro effettivi interessi. Ne sono convinti più gli uomini (65%) delle donne (59%) (INFOGRAFICA)

Tre persone su 5 (il 62%) che fanno shopping su internet negli Stati Uniti ritengono che la pubblicità online sia generalmente ben targettizzata rispetto ai loro interessi. Lo riferisce una ricerca di Morar Consulting, che sottolinea anche come siano i più giovani a sposare per la maggiore questo giudizio, mentre tra chi ha un’età pari o maggiore a 55 anni sono solo una persona su 2.

Come si evince dal grafico sono più gli uomini (il 65%) delle donne (59%) a pensare che la pubblicità online sia ben targettizzata rispetto ai loro interessi; una percentuale che è massima tra i giovani con età compresa tra i 25 e i 34 anni (71%) e minima tra gli over 55  (50%)

Secondo Morar Consulting, inoltre, il 68% degli americani ritiene che le pubblicità geograficamente connotate siano molto utili, una percentuale cha aumenta fino al 77% tra chi ha un’età compresa tra i 18 e i 24 anni.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Tim, assemblea conferma Genish ad. Il manager: dobbiamo evolverci rapidamente

Mibact, firmato il decreto attuativo del tax credit per le librerie

Garante Privacy a Fb: meriti fiducia dagli utenti rafforzando protezione dati