Anna Masera in uscita dall’ufficio stampa della Camera. L’intenzione della presidente Boldrini, scrive ‘Libero’, è portare l’incarico sotto la sua segreteria

Libero 30/11/2015 – Dal primo di gennaio 2016 la Camera dei deputati non avrà più un capo ufficio stampa. Anna Masera, l’attuale responsabile che fu scelta da Laura Boldrini con una lunga procedura di selezione, ha deciso che la sua esperienza può bastare e preferisce ritornare nel privato (veniva da La Stampa ), terminando il proprio mandato il 31 dicembre. Conoscendo questa decisione il comitato per la comunicazione guidato dal vicepresidente della Camera Roberto Giachetti, ha chiesto alla Boldrini istruzioni su una eventuale nuova selezione da avviare. Il presidente della Camera però ha fatto capire che non vuole fare una nuova gara. L’intenzione è quella di portare l’ufficio stampa sotto la sua segreteria personale e di dare l’interim del coordinamento ad uno degli addetti stampa attualmente in servizio con un contratto a tempo determinato. Così la comunicazione passerebbe dal ruolo istituzionale che ha al servizio diretto del presidente della Camera, che per altro ha già un suo portavoce personale: Roberto Natale. Nei due anni di fine legislatura così la Boldrini avrebbe una invidiabile task force comunicativa personale che ovviamente diventa decisiva anche per costruire il suo futuro politico. Unico ostacolo da superare, quello del Movimento 5 stelle, che sembra pronto a dare battaglia e metterle i bastoni fra le ruote. «Non possiamo immaginare un ritorno al passato», ha spiegato chiaro Claudia Mannino, la grillina segretaria d’aula e membro del comitato informazione. Ma la Boldrini sembra tirare diritta per la sua strada…

Anna Masera (foto Olycom)

Anna Masera (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Fico: cambiare la legge sulla Rai e abolire la Vigilanza. M5s nei talk senza contraddittorio? Direttori liberi di decidere

Radiotv locali, Bitonci, sottosegretario all’economia: Dl Dignità per salvare 5mila posti di lavoro

Cda Rai: dipendenti oggi al voto per scegliere il quinto consigliere. Spoglio dalle 20,58 in streaming