01 dicembre 2015 | 11:48

Rinnovate le cariche di Digital Magics: Alberto Fioravanti presidente esecutivo e Marco Gay vicepresidente

Il business incubator Digital Magics, quotato sul mercato Aim Italia di Borsa Italiana (simbolo: DM), nomina Alberto Fioravanti presidente esecutivo e annuncia la nuova governance. Come riporta un comunicato del gruppo, il nuovo assetto organizzativo darà ulteriore impulso ai progetti di incubazione di oltre 100 startup e allo sviluppo dei programmi di open innovation.

Alberto Fioravanti, fondatore e presidente esecutivo di Digital Magics

In data odierna l’assemblea degli azionisti di Digital Magics, dopo aver approvato la modifica statutaria relativamente all’introduzione della carica di uno o più vice presidenti, ha deliberato quanto segue: la nomina in qualità di presidente del consiglio di amministrazione della società di Alberto Fioravanti, socio fondatore di Digital Magics insieme a Enrico Gasperini, recentemente scomparso, Gabriele Ronchini e Gabriele Gresta; l’integrazione del consiglio di amministrazione, nominando Marco Gay consigliere e vicepresidente della società.

Il consiglio di amministrazione, tenutosi successivamente, ha inoltre deliberato il potenziamento della prima linea dei partner storici, attraverso il conferimento di ampie deleghe al presidente Alberto Fioravanti e la nomina di tre amministratori delegati, Alessandro Malacart, Layla Pavone e Gabriele Ronchini. La nuova governance darà ulteriore consistenza ai progetti di Digital Magics che, insieme a Talent Garden e Tamburi Investment Partners, ha l’obiettivo di sviluppare oltre 100 startup nei prossimi due anni, attraverso l’apertura di 50 nuovi campus di co-working, favorendo l’ingresso di nuovi investitori e l’implementazione del piano strategico di open innovation.

I tre amministratori delegati, prosegue il comunicato, avranno la responsabilità e le relative deleghe per poter operare nelle seguenti aree di attività: Alessandro Malacart – corporate & finance, Layla Pavone – industry innovation, Gabriele Ronchini – portfolio development. Mentre il vicepresidente Marco Gay affiancherà il presidente Alberto Fioravanti nelle attività di rappresentanza, e in particolare avrà il ruolo di sviluppare i rapporti corporate con soggetti istituzionali e privati, affiancando il team di Digital Magics nell’implementazione dei piani strategici aziendali.

Edmondo Sparano, chief digital officer, sarà punto di riferimento per la selezione e il processo di analisi delle nuove iniziative digitali inerenti le startup e i programmi di open innovation.

“Siamo un team molto forte e coeso, che darà impulso a tutti i progetti aziendali e alla vision del disegno strategico costantemente condivisi con Enrico Gasperini”, sono state le parole di Alberto Fioravanti, fondatore e presidente esecutivo di Digital Magics. “La nuova governance ne è una dimostrazione concreta e consentirà di valorizzare al massimo le competenze di tutti i partner e consiglieri dell’incubatore nei propri ambiti e specializzazioni, per accelerare ulteriormente la piattaforma avviata con Talent Garden e Tamburi Investment Partners. Creare forti relazioni e mettere in contatto le imprese italiane con le startup, grazie ai nostri programmi di open innovation, è una caratteristica unica di Digital Magics, che ha come obiettivo di portare l’eccellenza italiana in tutto il mondo puntando sul digitale e sui giovani talenti”.

Il Consiglio di Amministrazione di Digital Magics, dopo il nuovo ingresso di Marco Gay, è composto da 11 membri: Alberto Fioravanti (presidente), Marco Gay (vicepresidente), Luca Giacometti (consigliere indipendente), Alessandro Malacart, Claudio Berretti, Davide Dattoli, Edmondo Sparano, Gabriele Gresta, Gabriele Ronchini, Laila Pavone, Michele Novelli.

La documentazione relativa all’Assemblea è pubblicata sul sito Internet della società; i profili degli amministratori sono disponibili online nella sezione investor relations / corporate governance; il verbale dell’assemblea ordinaria e straordinaria sarà pubblicato online nell’apposita sezione investor relations / assemblee nei termini di legge; lo statuto sociale, aggiornato a seguito delle suddette delibere, sarà pubblicato online nella sezione investor relations / corporate governance.