04 dicembre 2015 | 16:36

L’Agis festeggia i 70 anni e fa il punto sulle prospettive future dello spettacolo italiano. Giovedì a Roma riuniti le massime istituzioni e i vertici del settore

L’Agis, Associazione Generale Italiana dello Spettacolo, compie 70 anni. Per festeggiare la ricorrenza giovedì 10 dicembre a Roma, presso la sede della Presidenza Nazionale Agis, dalle 10 (Via di Villa Patrizi 10), si terrà un appuntamento che sarà anche l’occasione per una riflessione sulle prospettive future dello spettacolo italiano.

Carlo Fontana (foto Olycom)

Carlo Fontana (foto Olycom)

Alla lettura del messaggio del Capo dello Stato e all’apertura dei lavori da parte del presidente dell’AGIS, Carlo Fontana, seguiranno le testimonianze di Walter Veltroni, Gianni Letta, Sergio Escobar, Walter Vergnano e Carlo Bernaschi.
Il vicepresidente vicario dell’AGIS, Luigi Cuciniello, introdurrà gli interventi dei presidenti Silvia Costa (Commissione Cultura parlamento europeo), Flavia Piccoli Nardelli (Commissione Cultura Camera), Andrea Marcucci (Commissione Cultura Senato), Piero Fassino (ANCI) e del direttore generale Gaetano Blandini (SIAE).
A conclusione interverrà il ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini.
Fondata il 7 dicembre del 1945 l’AGIS riunisce unitamente alle organizzazioni dell’esercizio cinematografico – con l’Associazione Nazionale Esercenti Cinema, storico socio fondatore – e a quella dei giovani produttori cinematografici indipendenti, una compiuta e articolata rappresentanza del settore dello spettacolo dal vivo per la musica, in ogni sua forma espressiva (lirica, concertistica, jazz, popolare contemporanea e live), il teatro, la danza, il circo e lo spettacolo viaggiante.