Servizio di copertina

09 dicembre 2015 | 18:50

Il nuovo numero di ‘Prima’ è in edicola con allegato il Grande Libro della stampa italiana e dell’informazione on line. Disponibili subito anche in edizione digitale per tablet e smartphone

La mossa di Carlo De Benedetti di portare Mario Calabresi al vertice di ‘Repubblica’ cambia lo scenario dell’informazione. Per la prima volta tagliati fuori dalla scelta Scalfari e Mauro. E a Torino John Elkann torna alla tradizione di famiglia affidando la direzione della ‘Stampa’ a un giornalista esperto di politica internazionale, Maurizio Molinari. Grandi novità anche alla Rai: Carlo Verdelli super direttore editoriale dell’informazione

Tra i protagonisti del numero anche Carlo Verdelli. Antonio Campo Dall’Orto, Andrea Prandi.Maurizio Molinari. Massimo Gramellini. Urbano Cairo. Massimo Costa. Alberto, Paolo e Andrea Chiesi, Giovanni Floris, Tito Boeri, Fabrizio Salini, Alberto Hazan, Alessandro Militi, Giuseppe Sala, Giorgio Palumbo, Lorenzo Montagna, Daniele Tranchini, Luigi Coldagelli e Stefano Cappellini. 

 

Abbonati al mensile ‘Prima’ edizione cartacea (+ Uomini Comunicazione), alla versione digitale per tablet e smartphone o a quella combinata carta-digitale: Prima + Uomini + edizione per tablet e smartphone 

Cambio di stagione

Anche alla Stampa si chiude un’epoca: quella del tandem 
John Elkann editore e Mario Calabresi direttore. Sei anni di lavoro spalla a spalla per modernizzare l’editrice e rilanciare il giornale, 
fino alla scelta di Maurizio Molinari come nuovo direttore “Desidero ringraziare Mario per la professionalità e l’impegno con cui ha saputo rispondere a complesse sfide del mondo editoriale negli ultimi sei anni, contribuendo a rendere più forte e più autorevole la voce della Stampa, sia in Italia che all’estero. Sotto la sua guida, Direzione e Società hanno lavorato in modo coordinato e efficace, riuscendo a centrare obiettivi importanti, sul fronte editoriale e giornalistico, così come sul piano industriale e gestionale: il bilancio societario stabilmente in attivo, il profondo rinnovamento del ciclo produttivo e il successo dell’integrazione della Stampa e Il Secolo XIX ne sono esempi concreti”. Con queste parole, in chiusura del comunicato del consiglio di amministrazione dell’Itedi del 26 novembre sulle nomine per il nuovo vertice del quotidiano (Maurizio Molinari, direttore responsabile e direttore editoriale della casa editrice, Massimo Gramellini, che alla vice direzione aggiunge la neonata direzione creativa dell’Itedi, e Massimo Russo promosso condirettore), il presidente John Elkann ha voluto ribadire la sua stima e amicizia per Mario Calabresi – compagno di un intenso lavoro sul quotidiano torinese e sulla nuova casa editrice Italiana Edizioni spa, che nel 2015 può vantare un utile di bilancio – che a fine anno lascerà Torino per la direzione di Repubblica. Una decisione condivisa con l’amico John, che lo ha consigliato di accettare la proposta di Carlo De Benedetti.

La successione, molto ben articolata, era stata studiata con calma, anche se la formalizzazione ha subito un’accelerazione per la decisione di Ezio Mauro di spiazzare tutti comunicando il 25 novembre la sua uscita dal quotidiano romano.

L’articolo  è sul mensile Prima Comunicazione n. 466 – Novembre 2015

Abbonati al mensile ‘Prima’ edizione cartacea (+ Uomini Comunicazione), alla versione digitale per tablet e smartphone o a quella combinata carta-digitale: Prima + Uomini + edizione per tablet e smartphone