09 dicembre 2015 | 16:22

Trump che decapita la Statua della Libertà. La vignetta shock del New York Daily News dopo le frasi del miliardario americano contro i musulmani

Che il giudizio dei media a stelle e strisce su Donald Trump non fosse dei migliori lo si era capito da tempo. E le sue ultime uscite contro i musulmani non potevano che scatenare una nuova ondata di critiche. Particolarmente forte la copertina del New York Daily News che in una vignetta ritare il magnate americano in corsa per la nomination repubblicana alla Casa Bianca mentre con una spada decapità la Statua della Libertà. La copertina e’ seguita da un testo, ispirato alla poesia del pastore Martin Niemöller: “Quando Trump venne per i messicani non ho parlato perché non sono messicano. Quando venne per i musulmani non ho parlato perché non sono musulmano. Poi venne per me”.

La vignetta del New York Daily News (foto Twitter.com)

Altrettanto duro il Washington Post che lo ha definito addirittura un “moderno Mussolini d’America”, sottolineando come le sue frasi e i suo modo di fare abbiano “molte evidenti allusioni col fascismo”.

Uscendo dai confini americani, anche i media britannici hanno espresso il loro disappunto in particolare per le frasi sui quartieri di Londra in mano agli islamici radicali, dove la polizia avrebbe addirittura “paura” a entrare. Fra i più scandalizzati l’Independent, che già ieri aveva dato a Trump del fascista e che oggi rilancia le proposte di alcuni deputati britannici e di esponenti delle comunità islamiche di bandirlo dal Regno Unito in applicazione della legge contro coloro che istigano l’estremismo.