Donnamoderna.com lancia il suo canale dedicato al food con 70mila ricette e un design full responsive

Donnamoderna.com per le feste natazlizie lancia un nuovo canale dedicato all’universo food all’indirizzo Donnamoderna.com/cucina. Oltre 70mila ricette, immagini d’impatto, strip interamente dedicate ai video, sono alcuni degli ingredienti della nuova sezione, dal design full responsive e dalla modalità di lettura infinite scroll, per essere fruito anche mentre si cucina.

Le ricette, come spiega la nota stampa, diventano un touchpoint per accedere a nuovi contenuti costruito con nuove logiche di storytelling, grazie a un sistema predittivo che individua e correla i trend di ricerca sui temi d’interesse delle utenti, che possono così trovare selezioni editoriali legate agli ingredienti di stagione e idee creative, tutorial con immagini e video descritti passo dopo passo, approfondimenti sul mangiare sano e sulle novità legate alla tavola. Sono stati introdotti nuovi tool per rendere la vita in cucina ancora più facile, come ‘apritifrigo’, per trovare piatti realizzabili a partire dai prodotti già disponibili in casa, e ‘lista della spesa’, che consente di inviare via e-mail o Whatsapp gli ingredienti di una ricetta.

In più l’iniziativa #SoloUnaCosaContaANatale, un video di auguri per la regia di Orlando Salmeri (Olafilm), che coinvolge tutti i canali social di Donna Moderna (Facebook, Twitter, Instagram e Youtube) e Donnamoderna.tv, con l’invito alle utenti a condividere i propri pensieri sul Natale. “Un video ‘hero’, un format breve e ritmato”, lo ha definito Daniela Cerrato, digital manager di Mondadori, spiegando come l’iniziativa rappresenti anche l’occasione per dare “un antipasto del nuovo canale Cucina”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Media One partner di Ad Moving per le pubblicità sulle Autostrade per l’Italia

Inrete verso la Borsa. Per il ‘Financial Times’ è una delle società europee più innovative

Il 4° rapporto Agi Censis mette a tema l’essere digitale nella società della conversazione