23 dicembre 2015 | 11:02

ll gruppo Feltrinelli si concentra sui suoi core business editoriale e retail. Siglato anche l’accordo con le banche per i finanziamenti

Il gruppo Feltrinelli si concentra sui suoi core business editoriale e retail: viene separata la gestione delle attività immobiliari e conferito il progetto Feltrinelli Porta Volta ad un fondo paritetico con Coima Sgr. Siglato infine, dall’amministratore delegato Roberto Rivellino, l’accordo con le banche per il finanziamento del debito.

“In un momento di grande incertezza e di evoluzioni continue tra gli operatori del settore il gruppo Feltrinelli si concentra sullo sviluppo dei formati retail, su nuove importanti offerte editoriali, sulla valorizzazione della propria presenza digitale e soprattutto su un dialogo integrato con tutti i clienti. La sigla dell’accordo odierno con le banche e la joint venture per il progetto Feltrinelli Porta Volta con uno dei protagonisti del mercato immobiliare come Coima Sgr, sommati al miglioramento dell’esercizio 2015, costituiscono una solida base da cui partire per il futuro”.
Queste le dichiarazioni di Carlo Feltrinelli, presidente del gruppo nel giorno in cui vengono siglati due accordi strategici con le banche e Coima Sgr.

Carlo Feltrinelli (foto Olycom)

Carlo Feltrinelli (foto Olycom)

L’operazione di rifinanziamento, mirata a rendere coerente l’indebitamento con le esigenze delle singole aree di business, ha visto come protagonista un pool di banche (Intesa Sanpaolo, Unicredit, Bnl-Bnp Paribas, Creval e Bpm, con il coordinamento di Banca Imi). In particolare, come si legge nel comunicato stampa, è prevista l’erogazione di una linea ipotecaria di 166 milioni di euro a 10 anni sulle attività immobiliari e una linea revolving di 50 milioni di euro a 5 anni a supporto delle diverse attività core del gruppo, con condizioni finanziarie migliorative rispetto a quelle esistenti. Nell’operazione il gruppo Feltrinelli si è avvalso di Lazard e Dla Piper in qualità di advisor finanziario e legale; il pool di banche si è avvalso in qualità di advisor legale di legance.

Con riferimento al progetto Feltrinelli Porta Volta, oggi è stato inoltre conferito il progetto di viale Pasubio, progettato dallo studio Herzog & DeMeuron, in un fondo immobiliare paritetico di nuova costituzione promosso e gestito da Coima Sgr. Anche per questa operazione il gruppo si è avvalso dell’assistenza di Lazard e Dla Piper, mentre Coima Sgr si è avvalsa come advisor legale dello studio Gianni Origoni Capelli & Partners.

Feltrinelli Porta Volta (www.feltrinelliportavolta.it), che verrà inaugurato nella seconda metà del 2016, rappresenta il luogo più iconico per Feltrinelli: un luogo aperto alla città in cui avranno sede la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, con le sue attività di ricerca e di formazione innovative sui temi più urgenti della società contemporanea, il suo immenso patrimonio archivistico e bibliotecario e un innovativo modello di libreria laFeltrinelli. Uno spazio che sarà animato con iniziative culturali di respiro internazionale, all’insegna della partecipazione e del coinvolgimento per una cittadinanza attiva.

“Una giornata particolarmente importante per il gruppo: stiamo costruendo le condizioni per interpretare in maniera coerente con il brand Feltrinelli in un mercato sfidante, in grande cambiamento, dove occorre essere duttili e in grado di sintonizzarsi rapidamente con le modalità di fruizione dei prodotti culturali.
L’intento è quello di proporre un sistema integrato transmediale a forte vocazione editoriale che veda al centro le curiosità e il vivere civico degli italiani.” dichiara Roberto Rivellino, amministratore delegato gruppo Feltrinelli.