29 dicembre 2015 | 18:24

Dalla legge sulla diffamazione, al rinnovo della Concessione di servizio pubblico nel 2016. Il promemoria in 5 punti di Fnsi e Usigrai per Renzi

“Un 2016 all’insegna della liberta’ di informazione. Questo l’auspicio del presidente del Consiglio Matteo Renzi. E’ quello che auspichiamo anche noi. Ci auguriamo che questa volta Renzi non voglia smentire se stesso come ha fatto con la Rai, quando dopo aver promesso di restituirla ai cittadini, in realtà l’ha portata ancora di più sotto il controllo del governo”.  Si sono espressi così, in una dichiarazione congiunta, il segretario e presidente della Fnsi, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti insieme al segretario Usigrai Vittorio di Trapani, commentando le dichiarazioni di questa mattina del presidente del Consiglio Renzi durante la conferenza stampa di fine anno.

Vittorio di Trapan, Segretario Generale Usigrai (Europaquotidiano.it)

All’interno della nota, i rappresentanti delle due organizzazzioni sindacali hanno stilato un elenco di punti sugli interventi da effettuare nel panorama dell’informazione italiana, punti che hanno definito “promemoria per le prossime slide”. Prima di tutto una norma contro le querele temerarie; una legge sulla diffamazione, che abolisca il carcere e renda effettivo il diritto dei cittadini a essere informato, e nuove regole per i conflitti di interessi. Suggerita anche una riforma radicale dell’Ordine dei Giornalisti e da ultimo il richiamo al “rinnovo della Concessione 2016 insieme alla riforma complessiva della Rai Servizio Pubblico”.