Dopo la stampa sarà la tv a soffrire le pene della crisi dell’editoria. A salvare i media non saranno né smart car né smart watch: le 7 predizioni del fondatore di Business Insider

I network televisivi soffriranno presto le pene che stanno attraversando gli editori della carta stampata. Ne è convinto Henry Blodget, fondatore e amministratore delegato di Business Insider, in occasione di una conferenza in cui ha illustrato 7 predizioni circa il futuro dei media.

Le altre 6 predizioni di Blodget ipotizzano che: crescerà il consumo di digital media, mentre tutto il resto precipiterà; cresceranno velocemente gli abbonamenti a musica, video e “stampa” digitale; il native advertising digitale continuerà a prosperare; la crisi esistenziale dell’ad blocking si risolverà da sola; il futuro delle piattaforme digitali non appartiene esclusivamente né agli smart watch né alle smart car o alla realtà virtuale; il potere e la salute saranno sempre più che mai appannaggio di poche persone al mondo.

Business Insider è stato recentemente acquisito da Axel Springer, editore di Bild e Die Welt per accrescere il pubblico digitale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Milan: Paolo Scaroni nominato presidente. Sarà anche amministratore delegato ad interim

Rai, lunedì la ratifica del nuovo Cda. A seguire ad e presidente designati dal Consiglio dei ministri

Agcom, osservatorio media 1° trimestre: quotidiani in calo (-8,2%); tv maluccio Rai e Mediaset, cresce La7; boom social di Instagram