07 gennaio 2016 | 12:11

Bugs Bunny torna in tv con una serie tutta sua. Su Boomerang dall’11 gennaio il famoso personaggio Looney Tunes torna alle storylines in formato breve

Il nuovo anno su Boomerang (canale 609 di Sky) si apre con un’esclusiva Prima tv: Bugs! A Looney Tunes Production, la nuovissima serie prodotta negli Studios di Warner Bros. Animation con protagonista il mitico Bugs Bunny. L’appuntamento è dall’11 gennaio tutti i giorni alle 20.00.

Bugs! A Looney Tunes Production  è la nuova serie animata che segna il ritorno sugli schermi del Bugs Bunny, esilarante, eroico e mascalzone come sempre. lo riporta una nota del gruppo Turner. La serie è composta da 52 episodi da 11’ che vedono il coniglio icona dell’animazione alle prese con vecchie conoscenze.

Tornerà Taz, ora non più vortice distruttivo di un tempo ma padre di famiglia ed impiegato contabile; Yosemite Sam, il bandito ricercato per antonomasia, sempre in cerca di una banca da derubare e vittima preferita per gli scherzi di Bugs; Wile E. Coyote che, abbandonata l’estenuante caccia al coyote, è ora il pedante vicino di casa di Bugs Bunny convinto che la tecnologia sia la risposta ad ogni problema.

Tra i nuovi personaggi spiccano, invece, Squiks, lo scoiattolo volante amico di Bugs che non parla ma si esprime per squittii, spesso vittima di soprusi e sfortune e Bigfoot, un’amorevole e ingenua creatura che segue Bugs ovunque come un cagnolino e si rivolge a lui chiamandolo “signorina”, senza un vero motivo.

A differenza delle serie che lo hanno preceduto, come la più recente The Looney Tunes Show, BUGS! A LOONEY TUNES PRODUCTION è incentrata su un unico personaggio, Bugs Bunny, protagonista di ciascuno episodio.

Lo show segna, inoltre, il ritorno alla slapstick comedy classica in puro stile Warner Bros., abbandonando quindi l’impostazione da sit-com e la coralità che hanno caratterizzato The Looney Tunes Show, per riproporre la rapida successione di storylines in formato breve e basate su gag visive.

Nonostante la scrittura segni un ritorno alle origini, alla base c’è la volontà di mettere Bugs Bunny e i suoi avversari di fronte ad ostacoli di stampo più moderno. Per questo lo vedremo alle prese con antagonisti nuovi, come ninja, terminator, fatine e persino la Morte in persona. E, a differenza di tutte le edizioni passate, non sempre avrà la meglio.

Lo show testimonia come i Warner Bros Studios, a distanza di 86 anni dal primo cortometraggio, continuino a dare vita a nuovi grandi classici nel campo dell’animazione in grado di raccogliere tutta la famigli davanti al piccolo schermo.