New media

08 gennaio 2016 | 12:48

Raddoppia lo streming audio e video nel 2015. I dati del Music Report di Nielsen (INFOGRAFICHE)

Nel 2015 i servizi di musica streaming hanno registrato una crescita pari a 317 miliardi di canzoni scaricate, quasi il doppio rispetto ai 164 miliardi registrati nel 2014. Questo il dato che emerge dal Music Report realizzato da Nielsen al termine dell’anno appena concluso, tenendo in considerazione non solo i dati registrati da Spotify, ma anche da altri servizi per lo streaming audio e video come AOL, Beats (ora di proprietà di Apple), Cricket, Google Play, Medianet, Rdio (ora acquisita da Pandora), Rhapsody, Slacker, Xbox Music, YouTube e Vevo.

Stando ai dati della ricerca, riportata sul sito Techcrunch.com, l’uso sempre più massiccio dello streaming inevitabilmente sta influenzando le vendite degli album, diminuite del 6% nel 2015. Un dato certamente negativo, ma che comunque segnala una lieve risalita risalita rispetto al 2014, in cui venne registrato un -11%. In aggiunta, nel 2015 sono cresciute le vendite di vinili, con un +30% che rappresenta il 9% delle vendite totali di album. Stessa sorte ache per le vendita di tracce digitali, in calo del 12,5% rispetto al 2014. Meno marcato il crollo delle vendite digitali di album, con ricavi in calo del 2,9% rispetto al 2014. In crescita anche lo ‘streaming equivalent’: stando ai dati di Billboard.com la crescita di canzoni ascoltate in streaming nel 2015 può essere tradotto in 211,5 milioni di equivalent album (considerando una metodologia per la quale 1 album corrisponde a 1,5000 canzoni).

Accanto alla musica, nel 2015 è cresciuto notevolmente anche lo streaming video, registrando la cifra di 172,4 miliardi di flussi streming, in crescita del 101,9% rispetto al 2014.

In ogni caso, sancisce il rapporto, la crescita di questi servizi non ha comunque intaccato la leadership della radio, che continua a essere il mezzo più usato dalle persone per scoprire nuova musica. Dati alla mano, il 61% degli intervistati ha dichiarato di aver ascoltato per la prima volta delle canzoni alla radio, il 45% attraverso il passaparola, il 31% con i film o le colonne sonore. Lo streaming viene solo al quarto posto, indicato come fonte di novità e scoperte solo dal 27%.

Nel suo bilancio musicale di fine anno, Nielsen ha dato una valutazione del consumo di musica nel suo complesso. In America in una settimana gli utenti passano 24 ore ad ascoltare musica. E del 91% degli utenti a stelle e strisce che ascolta musica, il 75% dichiara di ascoltarla normalmente online, mentre il 44% sullo smartphone.

Concerti e festival rappresentano le principali voci di spesa per gli utenti che investono sulla musica, con tassi pari rispettivamente al 32 e al 10%. Solo il 7% decide di spendere per servizi di musica straeming, un dato che sale leggermente guardando nello specifico alle scelte di teen agers e millennials.

Secondo il report la decisione di sottoscrivere o meno un abbonamento streming dipende, sia in positivo che in negativo, dai costi. Per il 46% degli intervistati che decidono di non acquistarne è determinante poi il fatto di poter ascoltare musica gratuitamente, e di non avere alcun beneficio spendendo di più.

Un dato che inequivocabilmente deve spinge i servizi streaming ad aumentare la loro offerta, non fornendo più solo dei cataloghi on demand, diventando non solo luoghi in cui gli utenti possano scoprire nuova musica o nuovi artisti, come ad esempio fanno Spotify con la sua ‘discovery weekly playlist’ o Apple Music con la radio ‘Beats 1′, ma anche fornendo maggiori punti di contatto tra gli artisti e il loro pubblico, dando la possibilità di acquistare biglietti per i concerti o segnalando link a community o altri contenuti. Sembra infatti che molti utenti debbano essere ancora convinti, visto che il 78% dichiara sia improbabile acquistino servizi streming nei prossimi 6 mesi, contro un 9% incline alla sottoscrizione.

Esiste poi una categoria a parte. Quella dei musicisti che, forti del loro successo e della loro popolarità possono anche decidere di non usare i canali streming. Nielsen nel suo report cita due nomi su tutti: Adele e Taylor Swift. La prima alla fine del 2015, con il suo ’25′, ha venduto più di 7 milioni di copie in 6 settimane di tempo, scegliendo di non renderlo disponibile sui servizi streming, mentre la seconda ha reso disponibile il suo ultimo album su Apple Music, ma solo dopo aver ottenuto che la Mela accettasse di pagare gli artisti per il periodo di prova gratuito del suo servizio streaming.