12 gennaio 2016 | 10:38

Citynews lancia il restyling grafico delle sue 42 edizioni online. “Il responsive design sarà applicato anche all’advertising”, dice Fernando Diana. Novità anche nei contenuti: creata la sezione ‘Cosa fare in città’

Citynews, il network online di informazione partecipativa composto da 41 edizioni locali e dalla testata nazionale Today.it, è in continua evoluzione e lancia oggi una nuova veste grafica.

Secondo la nota stampa del gruppo, dopo un periodo di consolidamento che ha portato il network a confermare per 8 mesi consecutivi il 4° posto nella classifica Audiweb Total Digital Audience nella Categoria News & Information (dato giorno medio), Citynews si rinnova ancora una volta, confermando il proprio spirito e la propensione ad una evoluzione continua, sempre alla ricerca delle forme e dei contenuti migliori per soddisfare sia i propri lettori che i propri inserzionisti.

Luca Lani e Fernando Diana

Nella foto da sinistra: Fernando Diana e Luca Lani

La novità più importante, per quanto riguarda la usability delle testate Citynews, è la responsività della nuova versione delle 42 edizioni online. Sono state infatti studiate e realizzate quattro ottimizzazioni per large desktop, normal desktop, tablet e smartphone. Il restyling riguarda anche i loghi delle 42 edizioni Citynews, che vedono uniformati i colori allo scopo di renderli più moderni e facilmente riconoscibili

Le novità riguardano ovviamente anche gli aspetti puramente editoriali del network. E’ stata infatti creata, per ognuno dei quotidiani locali Citynews, una nuova sezione chiamata “Cosa fare in città”, contenente un enorme e completo database, con relativo motore di ricerca, di tutti i tipi di eventi ospitati in città e in provincia: sarà presente anche la programmazione completa delle sale cinematografiche, l’elenco dei ristoranti, degli eventi commerciali e culturali, dei negozi e dei luoghi dello shopping.

“Le novità editoriali saranno tante e tutte di grande impatto sui nostri lettori. – dichiara Luca Lani, co-founder di Citynews spa – Verrà dato maggiore spazio alle opinioni dei principali rappresentanti della vita politica e culturale delle città, ed anche ad approfondimenti ed inchieste sugli avvenimenti cittadini più importanti. Il nuovo design, inoltre è studiato per stimolare la partecipazione attiva dei lettori mediante tutte le forme possibili. Infatti, è stata rinnovata anche la sezione con le segnalazioni e i contenuti dei nostri citizen journalist, con il relativo Email Alert che avverte i nostri utenti registrati quando succede qualcosa nel raggio di 2 Km da casa loro”.

Citynews ha assegnato, fin dalla sua nascita, un’importanza focale allo User Generated Content, che, associato al lavoro delle redazioni radicate sul territorio, ha fatto del network una delle primissime piattaforme di informazione locale dal basso in grado di garantire un’alta qualità dei contenuti. Ad oggi, sono oltre 4.500 ogni mese gli articoli inviati dagli utenti con importanti notizie dalle zone in cui vivono.

Il restyling influenzerà in maniera diretta anche la visibilità offerta agli inserzionisti. L’introduzione e la ricollocazione di nuovi formati pubblicitari punta a massimizzare le performances degli annunci ospitati sui portali.

“Il responsive design sarà applicato anche all’advertising, – dichiara Fernando Diana, co-founder di Citynews spa – in modo che i nostri clienti potranno avere formati pubblicitari ottimizzati per tutte e quattro le esperienze di navigazione (large desktop, normal desktop, tablet e smartphone). Questa scelta deriva dalla semplice osservazione delle abitudini di fruizione dei nostri lettori che sempre più spesso accedono ai nostri quotidiani da mobile la mattina, da desktop il pomeriggio e magari da tablet la sera. In questo modo la campagna del nostro inserzionista sarà adattata ai vari device è risulterà di sicuro più efficace.
Già dai primi test effettuati, il nuovo design ha prodotto effetti benefici, in termini di CTR, sulle performance dei formati, in linea con la nostra continua ricerca di ottimizzazione del ROI dei nostri clienti”.