Il garante per le tlc britannico approva la vendita di Ee (joint venture tra Deutsche Telekom e Orange) al gruppo Bt. Un affare da 18 miliardi di dollari che cambierà il mercato Uk della banda larga

L’Autorità di regolamentazione delle telecomunicazioni britannica ha approvato la vendita di Ee, joint venture per la telefonia mobile tra la tedesca Deutsche Telekom e la francese Orange, al gruppo BT, per 12,5 miliardi di sterline (circa 18 miliardi di dollari). Bt, scrive l’Adnkronos, prevede di chiudere l’affare, il 29 gennaio, quando Deutsche Telekom e Orange riceveranno rispettivamente le quote del 12 per cento e del 4 per cento in Bt.

Gavin Patterson, chief executive di Bt

“L’unione di Bt ed Ee sarà un campione digitale per il Regno Unito, garantendo elevati livelli di investimenti e di promuovere l’innovazione in un mercato altamente competitivo”, ha sottolineato il chief executive di Bt Gavin Patterson. “Non ho alcun dubbio sul fatto che i consumatori, le imprese e le comunità potranno beneficiare di banda larga in fibra con la comodità di servizi di telefonia mobile all’avanguardia”.

Ee, aggiunge l’Adnkronos, attualmente serve circa 31 milioni di clienti in Gran Bretagna attraverso la rete cellulare, rete fissa e altre aziende di telecomunicazioni.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Nuovo sito per l’Ordine dei giornalisti. C’è anche il profilo Instagram

Cda Rai, Rousseau sceglie Coletti e Cellini come candidati M5S – CHI SONO

Il Parlamento vota i consiglieri Rai. M5S li sceglie online, a Fi la Vigilanza, il Pd punta su Santoro o Minoli?