15 gennaio 2016 | 15:17

Compie 15 anni Wikipedia, l’enciclopedia online tradotta in più di 280 lingue, che ora punta sull’intelligenza artificiale per scovare le bufale

Wikipedia, l’enciclopedia online massima espressione del web collaborativo 2.0, spegne oggi 15 candeline. Nata il 15 gennaio 2001 sulle ceneri di ‘Nupedia’, l’enciclopedia libera online le cui voci erano scritte da esperti volontari dopo revisione, il portale ha trovato nella sua apertura a tutti la chiave vincente e oggi con i suoi 18 miliardi di pagine visitate al mese è uno dei siti più visitati al mondo, con oltre 27 milioni di utenti registrati.
“Ciò che sembrava un’idea incredibile ha superato quasi tutte le aspettative in questi ultimi 15 anni ribaltando il concetto che la conoscenza potesse essere consegnata esclusivamente dall’alto verso il basso”, ha detto Jimmy Wales, fondatore con Larry Sanger dell’enciclopedia online, alla quale nel corso degli anni si sono affiancate altre realtà come la fondazione non profit Wikimedia (che gestisce l’enciclopedia online dal 2003), Wikimedia Commons per i file multimediali, il dizionario Wiktionary, la raccolta di citazioni Wikiquote e la guida turistica Wikivoyage.

Jimmy Wales, fondatore con Larry Sanger di Wikipedia (foto Olycom)

Oggi il sito è disponibile in 280 lingue. Le prime sei edizioni non in inglese furono lanciate poco dopo la nascita del portale nel 2001, ed erano in tedesco, catalano, svedese, francese spagnolo e russo. L’edizione inglese comunque si conferma la più consultata e la più popolare con 97 miliardi di pagine visualizzate, 6 volte di più rispetto all’edizione giapponese che si piazza seconda. Versione spagnola, tedesca e russa hanno circa 10 miliardi di pagine visualizzate.

Prendendo in considerazione le 10 principali edizioni di Wikipedia, il Pew Research Center ha realizzato un’analisi sulle pagine più viste, attraverso le quale è possibile capire come, nei diversi paesi e culture viene utilizzato il sito. Secondo il sito le pagini più viste nella versione inglese sono un mix di soggetti che includono riferimenti a eventi contemporanei come l’Isis, a siti conme Fb e Google e media, dalla lista dei film di Bollywood a Star wars o il trono di spade. Nella versione Giapponese dominano le pagine legate ai fumetti, ai film o alla musica. Il mondo dello sport è al centro delle ricerche degli spagnoli. In classifica spuntano poi eventi storici come le guerre mondiali, al sesto e al nono posto. In russia largo spazio ai social network.
Show televisivi e cinematografici comunque sono tra le ricerche più gettonate, come dimostra la presenza di ‘Star Wars’ tra le pagine più viste nell’edizione italiana, portoghese, giapponese e polacca o la voce dedicata al ‘Trono di Spade’ che si piazza oltre che nella top ten inglese anche in quelle italiana, russa, francese e tedesca.

I primi 15 anni Wikipedia comunque sono stati corredati solo da successi. L’enciclopedia online ha dovuto superare diverse accuse, soprattutto quella di presentare articoli non corretti.
E forse per arginare questo rischio l’enciclopedia è in procinto di utilizzare un software di Intelligenza Artificiale che si chiama Ores , che, come raccontava qualche giorno fa Ansa, andrà a scandagliare gli articoli per distinguere le bufale dagli errori in buona fede.