Apre a Palermo il primo incubatore di startup digitali della Sicilia, realizzato da Digital Magics in collaborazione con Factory Accademia

Nasce a Palermo il primo incubatore di startup digitali in Sicilia. Digital Magics, business incubator quotato sul mercato Aim Italia di Borsa Italiana (simbolo: DM), apre nel capoluogo siciliano la sua prima sede, in collaborazione con la società partner Factory Accademia.

“Un incubatore accelera lo sviluppo di giovani imprese fornendo sostegno, servizi e mettendo a disposizione la sua rete di contatti”, ha dichiarato Alberto Fioravanti, fondatore e presidente esecutivo di Digital Magics. “Il supporto di un ‘business incubator’ consente alle startup di crescere fino a diventare delle vere e proprie aziende”.

Sono 246 le startup siciliane iscritte al registro nazionale, il 4,8% del totale nazionale, spiega una nota. La prima startup nell’isola è comparsa proprio a Palermo nel 2009 ma, dopo un’accelerazione nel 2013, il vero boom di iscrizioni nel Registro delle Imprese Innovative si è rilevato nel 2014 (84 iscrizioni in Sicilia) con Palermo (33) davanti a Catania (25). Nel 2015 il trend è rallentato stavolta con una maggiore natalità di imprese innovative nel catanese (23) rispetto al capoluogo (19).

Il nuovo progetto è stato presentato, nel corso dell’inaugurazione dei locali di Via Lincoln 21 (sede storica del Giornale di Sicilia), da Alessandro Arnetta, partner di Digital Magics Palermo e ceo di Factory Accademia, Alberto Fioravanti, fondatore e presidente esecutivo di Digital Magics, Marco Gay, vicepresidente di Digital Magics e Gabriele Ronchini, fondatore e amministratore delegato per lo sviluppo del portafoglio di Digital Magics. A fare gli onori casa il condirettore del Giornale di Sicilia Giovanni Pepi e, in qualità di moderatore, Giorgio Mulè, direttore di Panorama.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il 28 aprile a Venezia c’è ‘Il FoglioTech Festival’

Wired Next Fest 2018, a tema la contaminazione

Il mercato Usa soft-luxury analizzato da Contactlab