La riforma Rai non dà garanzie, dice Freccero. Possiamo confidare solo sulla professionalità e sull’onestà intellettuale di Campo Dall’Orto

“La legge di riforma della Rai non dà alcuna garanzia e non c’è bilanciamento. Possiamo soltanto confidare sulla professionalità e sull’onestà intellettuale del dg Campo Dall’Orto”. Così il consigliere d’amministrazione di Viale Mazzini, Carlo Freccero, si è espresso con l’Adnkronos a proposito della legge di riforma della governance della Tv di Stato, pubblicata lo scorso 15
gennaio in Gazzetta Ufficiale dopo la firma del Capo dello Stato, Sergio Mattarella.

Il consiglio d’amministrazione della Rai, che si riunirà il prossimo 26 gennaio, dovrà approvare il nuovo statuto dell’Azienda in conformità con la riforma, per arrivare alle nomine non prima di febbraio. “Siamo pronti a discutere il piano industriale e quello editoriale”, ha aggiunto Freccero, “di conseguenza si potrà capire come dovrà essere l’organigramma della Rai e il profilo che dovranno avere i nuovi direttori di rete e di testata”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Editori al contrattacco: Governo agisce al contrario degli altri Paesi europei. Riffeser: sì a confronto, no a minacce e denigrazioni

Profondo restyling per A&F di Repubblica, in edicola dal 22 ottobre. Calabresi: fatwa di Di Maio ha portato abbonamenti

Nasce Milano Running Festival, primo festival italiano del podismo. Ad aprile con Generali Milano Marathon