21 gennaio 2016 | 17:04

Google permette a tutti gli utenti Android di scaricare le app direttamente dal motore di ricerca

Google ha iniziato ad invadere il campo dei ricavi pubblicitari di Facebook permettendo, a tutti gli utenti che possiedono il sistema operativo Android, di scaricare le applicazioni direttamente dal motore di ricerca. Questa possibilità è già stata estesa a tutti i possessori di un dispositivo Android, ma appare evidente che ciò potrebbe costituire una minaccia per le Mobile App Install Ads di Facebook. Esse rivestono un ruolo importante nel più ampio business degli annunci mobile, con la ricerca del Business Insider Intelligence che suggerisce che i ricavi aumenteranno a 6,8 miliardi di dollari entro la fine del 2019.

Sundar Pichai

Sundar Pichai

Rendendo più semplice per gli utenti trovare e scaricare app dai motori di ricerca (piuttosto che dal Play Store), gli sviluppatori di app avranno meno incentivi ad investire denaro nelle pubblicità su Facebook e potrebbero iniziare a riprendere in considerazione come potrebbero suddividere i ricavi.

Tali cambiamenti, si legge su Thedrum.com, rientrano nella strategia di Google di inserirsi nel mercato dei 6,8 miliardi di dollari. Tutto è iniziato con il permesso, dato agli utenti, di trasmettere in streaming il contenuto delle app, senza l’atto del download, dai motori di ricerca. E’ stato anche lanciato il Trial Run Ads, che permette agli utenti di provare un’app per 60 secondi senza installare nulla.

Facebook, invece, dominerà ancora sugli sviluppatori di app perchè può più efficacemente indirizzare gli annunci agli utenti in base alla ricchezza di informazioni che il social media possiede.

Google begins to eat into one of Facebook’s fastest growing businesses

Google has begun to encroach on Facebook’s advertising revenue by allowing Android users to download apps directly from search results.

The capability has yet to roll out to all Android users, however it is already apparent that it could pose a huge threat to Facebook’s mobile app install ads.

The app install ads are understood to make up a significant part of the social media company’s broader mobile ad business, with Business Insider Intelligence research suggesting that mobile app-install ad revenue will likely grow to $6.8bn by the end of 2019.

By making it easier for users to discover and download apps directly from search results, rather than the Play Store, app developers will have less incentive to invest money in advertising on Facebook and could begin to reconsider how they allocate the ad revenue.

The changes are part of a wider strategy from Google to tap into the highly lucrative $6.8bn market. Recently it began allowing users to stream app content from search results without downloading an app. It also launched “trial run ads” that let users test out an app for 60 seconds without having to install anything.

Facebook will still hold sway with app developers because it can more effectively target adds to users based on the wealth of information the social media platform holds on them.