New media

22 gennaio 2016 | 11:43

Nel 2015 Amazon ha assunto 600 persone in Italia. Al momento sono più di 30 le posizioni aperte

Nel 2015 Amazon ha creato 10 mila nuovi posti di lavoro in Europa e ha il progetto di creare diverse migliaia di nuovi impieghi nel 2016. Attualmente i dipendenti di Amazon in tutta Europa sono oltre 40 mila. In Italia la società ha creato oltre 600 posti di lavoro a tempo indeterminato, superando i 1400 dipendenti, e continuerà ad assumere presso la sede di Milano, il customer service di Cagliari e i due centri di distribuzione di Castel San Giovanni e Milano.

Al momento, riporta l’agenzia di stampa Agi, sono aperte oltre 30 posizioni: da business analyst a in-stock manager, da assistente risorse umane al responsabile produzione. Dal 2010 Amazon ha investito oltre 450 milioni di euro nell’economia italiana per costruire e gestire il proprio business. In Europa gli investimenti hanno superato i 15 miliardi di euro in infrastrutture e attività per i centri di distribuzione, i customer service, i data center Aws, in ricerca e sviluppo.

“L’Italia – ha dichiarato Francois Nuyts, country manager di Amazon per l’Italia e la Spagna – è cresciuta velocemente grazie all’alta qualità dei nostri dipendenti che hanno veicolato ai clienti italiani l’innovazione e l’eccellenza di Amazon. Ad esempio, la maggiore selezione di prodotti e vorrei ricordare l’apertura dei negozi alimentari, cura della persona e made in Italy. Oppure le spedizioni più rapide che ci hanno consentito di recapitare i prodotti in un giorno agli abbonati Prime e addirittura nel giro di un’ora a Milano tramite Prime Now. Questi nuovi posti di lavoro sono la prova della fiducia che riponiamo nell’economia italiana, di cui Amazon è orgogliosa di fare parte”.

Francois Nuyts, country manager di Amazon per l’Italia e la Spagna (foto Efeempresas.com)