26 gennaio 2016 | 11:01

La ‘Repubblica’ di Calabresi? Mi sembra un bel giornale, dice Ezio Mauro a ‘Otto e mezzo’. Consigli al nuovo direttore? Non ne ha bisogno (VIDEO)

“C’è più tempo per pensare”. Ospite a ‘Otto e mezzo’ di Lilli Gruber, Ezio Mauro ha raccontato così i suoi primi giorni da ex direttore di Repubblica. “Il giornale è una macchina che oggi prepara il domani”, ha detto. “La sorpresa è stata a libertà, anche di pensare. Facendo un giornale si pensa ma dentro un frullatore meraviglioso, ha spiegato, in cui ci sono le notizie del giorno e le altre persone”.“Mi mancano molto i colleghi e il turbine della giornata da che va dal foglio bianco per arrivare a riempire il giornale alla sera”, ha detto spiegando che già da questa mattina sarà presente sul gornale un pezzo con la sua firma. “Scriverò nelle vesti di semplice giornalista”, ha detto. “Si è direttori per un periodo, ma giornalisti per sempre. Ero giornalista prima, ho provato a farlo anche facendo il direttore. E vorrei continuare a farlo dopo”.

Consigli a Calabresi? “Non ne ha bisogno. Mi sono solo permesso di dirgli che dispieghi in pieno il giornalismo per cui è stato scelto. In totale libertà, anche da eredità giornalistiche presunte mie”. Repubblica mi è sembrato un buon giornale”, ha concluso, aggiungendo un giudizio positivo sul nuovo corso del quotidiano: “mi sembra un bel giornale”.

Guarda il video della puntata: