È Maurizio Landini il primo pentito della tv, secondo Aldo Grasso. Il segretario della Fiom: mi confrontavo con gente ignorantissima e poi urlavo, ora vado se c’è tempo, non per fare bau bau

E’ il segretario della Fiom, Maurizio Landini, il primo pentito della tv? Se lo chiede Aldo Grasso sul Corriere, commentando l’intervista che Landini ha rilasciato al Fatto Quotidiano, in cui, parlando della decisione di ridurre la sua presenza nei talk show, dice: “mi sono accorto che mi trovavo a dovermi confrontare nei salotti televisivi con gente ignorantissima, approssimativa, che parlava di cose di cui non sapeva”.

Spesso “mi rifiuto di andare”, prosegue Landini, “scelgo quando è il momento, quando è utile, quando c’è tempo per illustrare un pensiero e non fare bau bau”.

“La tv può uccidere?”, domanda il Fatto a Landini, che risponde: “ti vogliono trasformare in uno strumento, una comparsa, un pezzetto di teatro che serve alla messinscena quotidiana. Me ne sono accorto e sono corso ai ripari”.

Landini si lamenta anche di quello che è il suo “più grande cruccio”, il fatto di alzare la voce: “faccio di tutto per tenere basso il volume però poi sbraco – spiega il segretario della Fiom -, senti delle corbellerie così incredibili e ti lasci andare”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Diritti tv del calcio: giornate decisive, Agcm chiede spiegazioni a Mediapro

Il contratto degli Enti locali apre al ‘giornalista pubblico’. Fnsi: risultato importante

Blitz di Forza Nuova negli studi televisivi di La7